Dossier
 

“Quella volta che Sarra mi presentò Paolo Romeo”: ecco il primo verbale del poliziotto e politico “pentito”, Seby Vecchio

romeopaolo10mag 500di Claudio Cordova - Il primo verbale sottoscritto davanti ai pm della Dda di Reggio Calabria, Stefano Musolino e Walter Ignazitto, è del 26 ottobre 2020. Sebastiano Vecchio, poliziotto, ex assessore comunale di Reggio Calabria negli anni del "Modello Reggio" è detenuto da alcune settimane, dopo essere stato arrestato nell'ambito dell'inchiesta "Pedigree", accusato di connivenza con la potente cosca Serraino. Ai pm che glielo chiedono, spiega di voler collaborare per distaccarsi dal mondo della criminalità organizzata e per dare un futuro diverso ai suoi figli e, in generale, alla sua famiglia.

Le dichiarazioni di Vecchio sono state depositate nel maxiprocesso "Gotha", che vede alla sbarra la masso-'ndrangheta reggina, comandata dall'avvocato ed ex parlamentare Paolo Romeo. Tra gli imputati, anche l'ex sottosegretario regionale, Alberto Sarra, considerato, insieme all'ex senatore Antonio Caridi, uno strumento politico attraverso cui la componente riservata delle cosche avrebbe infiltrato le Istituzioni.

Vecchio, negli anni della sua carriera politica, fa parte proprio della cosiddetta "Area Sarra". Racconta: "Non appena mi hanno nominato Assessore, Alberto Sarra ci ha tenuto tantissimo a portarmi da Paolo Romeo, che in quell'occasione conobbi". Sarebbe stato, dunque, proprio Sarra a introdurre Vecchio nel circuito di Paolo Romeo: "Ci tenne molto a portarmL.. a farmi conoscere Romeo, siamo andati a casa di Paolo Romeo e siamo rimasti non oltre i dieci minuti, lui detto: "Ti presento Seby Vecchio il nostro assessore" e lui ha detto "mi fa piacere diglielo pure a Marcello e agli altri". Quel "Marcello", sarebbe il potente dirigente comunale di Reggio Calabria, Marcello Cammera, considerato molto vicino proprio a Paolo Romeo.

Inizialmente il ruolo di assessore doveva andare a un altro uomo forte di Alleanza Nazionale in quel periodo, Paolo Gatto. Ma poi, qualcosa cambia. Ancora dal racconto di Vecchio: "Avevo preso più voti io, avevo preso più voti io, tornando Vibo ricevo la telefonata da Alberto Sarra il quale mi dice: Siamo qua in segreteria e Paolo Gatto. Beniamino Scarfone, "Micu Pastina", Mico Strati, Domenico Strati, Lorenzo Smace, e non mi ricordo se c'era qualcun altro e mi chiedono... mi dicono: "Ti dispiace se proponiamo come assessore a Paolo Gatto, nella nostra aria". Gli ho detto io: me è indifferente, tanto faccio il Consigliere Comunale, sono già contento così ...... un diverbio pazzesco che c'è stato tra Scopelliti e Sarra all'Oasi, fuori, Scopelliti ha "E' inutile che ti incazzi, a Paolo non te o faccio e sai perché ... poi Sarra mi ha detto perché tipo gli aveva menato, gli aveva messo mani al collo, non lo so e dammi un altro nominativo e Alberto Sarra gli ha detto: "Seby" e lui "Seby non mi dispiace è mio compare" mi aveva fatto il testimone di nozze "quindi non c'è nessun problema".