Cosenza
 

Porto di Corigliano-Rossano (Cs), senatrice Abate (Gruppo Misto): "Avviato il giusto iter per rendere l'infrastruttura completa e funzionale all'operato della marineria"

"Ho partecipato alla riunione della Commissione di incameramento delle opere di difficile rimozione realizzate dalla "Lega Navale Italiana" nel Porto di Corigliano-Rossano che si è conclusa poco fa". Così la senatrice Abate (Misto).

"L'incontro è avvenuto nei locali della Capitaneria di Porto alla presenza del comandante del porto di Corigliano Calabro, Francesco Cillo, dell'Ammiraglio Agostinelli dell'Autorità portuale di Gioia Tauro, del Provveditorato interregionale per le opere pubbliche – sezione opere marittime per la Calabria, del responsabile regionale dell'Agenzia del Demanio, Dario Di Girolamo, della Lega Navale e del Comune di Corigliano-Rossano, ed è servito per fare il punto sulla complessa procedura dell'incameramento e della delimitazione della strategica infrastruttura di Schiavonea" prosegue.

"A seguito della riunione di oggi, alla quale ho potuto prendere parte dopo mia richiesta ufficiale in quanto sto seguendo la questione sin dall'inizio del mio mandato, posso dire che dopo varie vicissitudini e procedimenti giudiziari aperti nel passato finalmente, grazie alla grande collaborazione e alla competenza di tutti i membri della commissione, che ringrazio istituzionalmente, si sta procedendo a risolvere questa difficile situazione per poi poter incamerare quelle opere difficile rimozione realizzate dalla Lega Navale Italiana nel Porto di Corigliano-Rossano e che dovranno servire a offrire ai pescatori il servizio di alaggio e varo" aggiunge.

"Oltre che complimentarmi per il grande lavoro e la professionalità dimostrata da tutti i rappresentanti coinvolti, posso ritenermi soddisfatta perché, tra non molto, la marineria di Schiavonea, una delle più grandi e importanti del Sud, potrà vedere soddisfatte tutte le sue legittime richieste di avere dei servizi e un porto funzionale e completo che, inevitabilmente, sarà importante e determinante per lo sviluppo della terza città della Calabria e di tutta la Sibaritide" termina.