Cosenza
 

Emergenza idrica Cosenza, De Ciccio: "Ecco la soluzione. Vogliamo fare fatti e non parole"

L'annosa questione dell'emergenza idrica in città è uno dei temi che infuoca il dibattito elettorale politico e che sfocia, molto spesso, in una retorica sterile e senza soluzioni.

"La risoluzione alla crisi idrica c'è, vogliamo fare fatti e non parole", precisa il candidato a Sindaco di Cosenza Francesco De Cicco. "Quella sul miglioramento del servizio idrico è una battaglia che porto avanti ormai da anni e che è possibile risolvere in tre mosse:

· Riqualificazione dei pozzi insabbiati a Colle Mussano e Abatemarco

· Riqualificazione dei pozzi a Serra Spiga e San Vito

· Riqualificazione delle manovre di apertura e chiusura attraverso maggiori investimenti

"Con queste mosse – precisa De Cicco – riusciremo a migliorare di almeno due o tre ore in più il servizio idrico in tutta la città di Cosenza. Chi dice che apporterà migliorie aumentando la porta idrica per più ore mente, perché purtroppo il flusso idrico dipende dal quantitativo che la Sorical dà alla città. Cosenza è l'unica città capoluogo senza una vasca invasa - che si trova sotto il suolo comunale – a differenza di Reggio Calabria e Catanzaro. Mi dispiace dirlo – chiosa De Cicco – ma negli anni i nostri politici non hanno utilizzato tutte le somme stanziate per fare tale investimento e oggi ci ritroviamo in queste condizioni.

Negli ultimi tre anni Cosenza è stata la prima città in Calabria a ridurre la dispersione idrica, passando da un 60% a un 30%. Da assessore alla manutenzione ho fatto cambiare diversi metri di tubi in tutta la città e questo lavoro - massacrante ma appagante – è il mio orgoglio. Il mio obiettivo è quello di azzerare la dispersione idrica", conclude il rappresentante del gruppo 'Per un futuro Insieme'.