Cosenza
 

Corigliano-Rossano (CS), nuovi appuntamenti per "La città dei luoghi, il festival dell'appartenenza"

Promossa dal comune di Corigliano Rossano d'intesa con Squilibri e la consulenza artistica di Peppe Voltarelli per raccontare la grande ricchezza della provincia italiana, La città dei luoghi, il festival dell'appartenenza prosegue il 17 settembre, alle ore 21, al Castello Ducale, con una riflessione attorno a quanto il senso di appartenenza possa influire su una proposta culturale che voglia aprirsi al mondo, con l'antropologo Fulvio Librandi dell'UNICAL, Fabio Vincenzi che, nello stesso ateneo calabrese, è direttore del TAU e responsabile del sistema teatrale e cinematografico, e Peppe Voltarelli.

A seguire il concerto di Piero Brega che, tra i fondatori del Canzoniere del Lazio e del Circolo Gianni Bosio, attraversa da protagonista i turbolenti anni settanta, affermandosi come una delle voci più carismatiche di una nuova tradizione urbana e caratterizzandosi, assieme ai suoi compagni, per l'originale fusione di elementi etnici con sonorità jazz e progressive, in largo anticipo sulla stagione delle "contaminazioni". Poi un'eclisse dalle scene musicali durata circa venticinque anni, in cui si è impegnato come architetto con progetti anche di grande prestigio come la direzione dei lavori della moschea di Roma agli ordini del prof. Portoghesi. E poi, improvviso e inatteso come una sorta di miracolo, nel 2004 l'esordio da solista con Come Li viandanti, un disco di conturbante bellezza che non a caso vince il Premio Ciampi come opera prima. Cinque anni dopo il disco della riconferma, Fuori dal paradiso, in cui si evidenzia la maturità dell'artista che riesce a elevare nelle atmosfere rarefatte della poesia anche le più ordinarie esperienze quotidiane. Con i movimenti carsici che contraddistinguono il farsi della sua ispirazione, Piero Brega ritorna ora, a undici anni di distanza, con un nuovo disco, Mannaggia me, in cui, con amore e disincanto, canta ancora di una Roma periferica e dolente, senza ammiccamenti né accondiscendenze al suo stesso pubblico. Si susseguono così vivide istantanee sonore che elevano in una dimensione epica momenti di vita quotidiana e scene di ordinaria brutalità urbana: una processione elettrica e potentissima, vibrante e ondivaga come può essere solo lo sguardo distaccato e partecipe che un poeta getta sul mondo.

A seguire il concerto di Setak, una delle più sorprendenti rilevazioni della scena musicale italiana, per il quale il senso di un'appartenenza si riassume nell'uso del dialetto abruzzese. In Alestalé, il suo ultimo brano, il dialetto abruzzese si unisce a sonorità internazionali, punto fermo del sodalizio creato tra Nicola Pomponi e Fabrizio Cesare, che ha curato la produzione artistica di questo nuovo lavoro. Canzoni che ci riportano uno spaccato dei nostri giorni e che raccontano di relazioni, di riscatto sociale e tradizione, di capri espiatori e inutili violenze. Ballate di intensa introspezione interiore che Setak riempie con la sua voce piena e riconoscibile, quasi sussurrata. In questo viaggio caratterizzato dalla sua inconfondibile cifra stilistica fatta di sintesi musicale tra diversi suoni e ritmi provenienti da tutto il mondo, Setak, oltre alle canzoni del nuovo album Alestalé, riproporrà diversi brani del suo primo disco, Blusanza, ovvero blues e transumanza, sentimento e appartenenza

Ingresso libero ad ogni appuntamento, posti contingentati in ragione delle misure di contrasto al Covid 19, fortemente consigliata la prenotazione all'indirizzo www.prolococoriglianorossano.it