Cosenza
 

Regionali, Teresa Bellanova in Calabria: "Italia Viva mai con le destre, ma Pd lontano dai problemi dei territori"

bellanova ministro"Il campo di Italia viva è quello del riformismo. Significa che, anche in Calabria, l'alleanza con le destre è fuori discussione. Resta però amara tutta la condizione di appuntamenti elettorali vissuti dal maggior partito del centro sinistra all'inseguimento di logiche esclusivamente nazionali totalmente sganciate dalle realtà territoriali e da una relazione di profonda conoscenza dei problemi concreti delle comunità". Lo ha detto la Presidente di Italia Viva Teresa Bellanova, Viceministra alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, a Diamante dove è giunta per il Quarantennale della Prima Operazione Murales.

"Al di là dei nomi dei candidati - ha aggiunto Bellanova - ancora una volta questa è una grande occasione perduta perché abdica all'urgenza di mettere in campo, soprattutto nel Mezzogiorno, una nuova classe dirigente chiamando alla sfida del cambiamento tutte quelle donne e quegli uomini, e le nuove generazioni, che invece proprio su questo si misurano quotidianamente. La nostra proposta di lavorare per una coalizione con al centro la candidatura per la Presidenza della Regione di un amministratore era evidentemente un'apertura di credito al futuro. Un volto e una politica in cui questa terra potesse riconoscersi sfidando anche tutti i luoghi comuni e le diffidenze che spesso impediscono di coglierne la bellezza e soprattutto l'eccellenza. E invece dovrebbero essere proprio questi gli elementi caratterizzanti di questa campagna elettorale: il nuovo da cui la Calabria riparte. Ci sono esperienze d'impresa, nel sociale, nella ricerca, nel campo della cultura e dell'innovazione, che aspettano solo di essere convocate e messe in rete. Si metta fine all'arroganza e alla supponenza e si costruisca un percorso riformista che dia speranza alle nuove generazioni. In questa direzione Italia Viva lavorerà senza risparmio perché ad essere protagoniste siano le idee e le proposte, non la logica delle sfide muscolari". (ANSA)