Cosenza
 

"Viaggia con Wallace" fa tappa a Acquaformosa (Cs). Il racconto dei luoghi "arberesh"

Il travel blogger Giuseppe Campochiaro ha fatto tappa ad Acquaformosa venerdì 30 aprile 2021 con il suo seguitissimo format "Borghi da Raccontare" di "Viaggia Con Wallace". Ad accompagnarlo nel borgo arberesh il suo referente calabrese di "Viaggia Con Wallace" nonché promoter turistico, Giulio Pignataro. Ad accogliere Giuseppe Campochiaro e Giulio Pignataro è stato il sindaco di Acquaformosa, Gennaro Capparelli, insieme al suo staff.

"Ho voluto fortemente che Acquaformosa entrasse nel format 'Borghi da Raccontare' un format frizzante e molto conosciuto a livello nazionale, in quanto a breve – ha dichiarato il sindaco di Acquaformosa - si darà il via alla prossima stagione turistica con le aperture previste dal Governo Draghi, e noi, con le nostre straordinarie bellezze artistiche, paesaggistiche e naturali, vogliamo puntare proprio sul turismo naturalistico o cosiddetto turismo lento, abbiamo deciso di fare marketing turistico attraverso il travel blogger campano. Il travel blogger Giuseppe Campochiaro ha visitato, in compagnia del promoter turistico Giulio Pignataro, le location più belle del paese arberesh. Giuseppe Campochiaro, durante il suo tour ha ammirato la chiesa di San Giovanni Battista, dove Papas Raffaele gli ha illustrato la storia e lo splendido mosaico presente Il travel blogger campano ha percorso i particolari e coloriti vicoletti, ha ascoltato la ricca storia di Acquaformosa e del popolo arberesh e ha conosciuto le risorse del territorio e l'enogastronomia made in Firmoza. Giuseppe Campochiaro, nel corso della visita ad Acquaformosa "ha avuto modo di ammirare – ha affermato il primo cittadino del borgo arberesh, Gennaro Capparelli - i meravigliosi paesaggi, la natura con la stupenda attrazione religiosa del santuario della madonna del Monte, l'area picnic e la bellissima 'Area Faunistica per uccelli Rapaci'. Non resta – ha concluso il primo cittadino che invitarvi a visitare Acquaformosa, riprendendo il motto di un noto giornalista televisivo, non come turisti ma come graditissimi ospiti".