Cosenza
 

Franz Caruso su metro-leggera: “Provincia e Comuni di Cosenza e Rende insieme per trovare soluzioni”

"I disagi che oggi affliggono la città di Cosenza sono pesanti e gravi e non possiamo assolutamente attardarci in polemiche speciose e inutili. Compito nostro è guardare alla soluzione dei problemi e individuare proposte e soluzioni adeguate. Convinto di ciò, qualche giorno fa, nel sostenere che la Calabria e la città di Cosenza non possono assolutamente permettersi di perdere neanche un centesimo di alcun tipo di finanziamento, specialmente se riferito a infrastrutture per la mobilità o per la sanità, ho invitato l'intera classe politica a sederci attorno ad un tavolo per avviare un confronto capace di recuperare, per quanto possibile, ciò che oggi appare perso, ma anche per individuare nuove forme di finanziamenti e risorse da destinare alla crescita ed allo sviluppo della nostra terra". E' quanto afferma il candidato a sindaco, Franz Caruso, intervenendo nuovamente sulla paventata perdita dei finanziamenti relativi alla realizzazione della metropolitana Cosenza-Rende- Unical, ma anche con lo sguardo volto e preoccupato a salvaguardare i finanziamenti destinati alla costruzione del nuovo ospedale della città.

"Un invito al confronto ed al dibattito il mio, che sollecito ancora una volta – prosegue Caruso - a cominciare dagli amministratori provinciali e da quelli comunali di Cosenza e Rende che, a mio sommesso parere, devono recuperare, al di là ed a prescindere dalle diverse ideologie ed appartenenze politiche, la forza di ritrovarsi uniti per costruire il bene comune, mostrando di onorare degnamente il mandato di rappresentanza ricevuto dai cittadini. La sfida che abbiamo davanti è, dunque, rendere la politica nuovamente progettuale e credibile. Da questa sfida nessuno si può sfilare o chiamarsi fuori e sono convinto che la vinceremo se sapremo anteporre gli interessi della collettività a quelli personali e di parte. Siamo in un momento storico, peraltro, in cui appare veramente anacronistico il ricorso al richiamo a singole ideologie, per ottenere un imprimatur non più riconoscibile ed attuale, anche perchè esse, da tempo, hanno smesso di produrre la propria efficacia sulla collettività. Ritengo, al contrario, che si debba indubbiamente ripartire dai problemi della gente e dai valori che ognuno di noi rappresenta, che per quanto mi riguarda appartengono alla tradizione socialista e riformista che non ho mai tradito, riconoscendo, però, a tutti e ad ognuno pari dignità al fine di lavorare insieme per perseguire il bene comune". "Non le polemiche sterili e le diatribe sui massimi sistemi – conclude il candidato a sindaco di Cosenza, Franz Caruso – ma solo questo nuovo approccio alla politica, per come ho avuto modo di dire in altre occasioni, potrà sicuramente rappresentare un argine al bieco populismo ed al falso civismo oggi imperanti e, soprattutto, far tornare i bisogni della gente al centro dell'agenda politica calabrese e cosentina".