Cosenza
 

Corigliano Rossano, Scutellà: "Tolleranza zero nei confronti di chi si rende artefice di azioni che minano la tranquillità dei cittadini"

«Il 23 ottobre scorso due fratelli residenti a Termoli sono stati arrestati per aver colpito ripetutamente alla testa, con una mazza ed un cric il titolare di un autolavaggio della cittadina molisana che si era rifiutato di lavare gratuitamente la loro automobile. Ai due è stato applicato per la prima volta il daspo urbano, introdotto nel panorama normativo dal Decreto Legge 130 dello scorso 21 ottobre, con la cosiddetta "norma Willy" voluto fortemente dal Ministro Bonafede e dal Movimento 5 stelle, che dispone il divieto di accesso a pubblici esercizi o a locali di intrattenimento nei confronti dei soggetti denunciati o condannati dalla cui condotta possa derivare un pericolo per la sicurezza pubblica».

È quanto ribadisce il portavoce del Movimento 5 stelle alla Camera dei Deputati e componente della Commissione parlamentare Giustizia, Elisa Scutellà, rilanciando l'efficacia dell'importante provvedimento varato dal governo per la sicurezza dei cittadini.

«Quello che si è verificato a Termoli – aggiunge la Scutellà - è uno dei tanti, troppi episodi di violenza che quotidianamente si verificano e che a volte, purtroppo sfociano nella morte degli aggrediti. L'omicidio di Willy è uno dei tristi episodi più recenti nella nostra memoria a cui abbiamo voluto rispondere con fermezza attraverso una misura che dia più poteri ai Questori ed agisca in termini di prevenzione vietando, per motivi di sicurezza, l'ingresso nei locali individuati dall'autorità a chi si macchia dei reati contestati».

«Preciso – aggiunge la deputata - che non è mio compito entrare nel merito della vicenda in quanto sarà la giustizia a fare il suo corso ma nel frattempo la misura adottata dal questore di Campobasso impedirà ai due fratelli di accedere ai locali dell'intera provincia per il periodo stabilito. L'unico atteggiamento di fronte a fatti gravissimi di violenza inaudita è: tolleranza zero. La prima applicazione Italia del daspo urbano è un segnale importante nel ripido percorso verso la debellazione di fenomeni che devono essere preventivamente scongiurati oltre che fortemente combattuti».