Cosenza
 

Nomina D’Elia a presidente dell’Accademia Cosentina: il plauso del sindaco di Rende, Marcello Manna

"Siamo lieti che una delle istituzioni accademiche tra le più antiche d'Europa sia oggi guidata da un giovane studioso: segno di come tradizione e innovazione debbano viaggiare nella stessa direzione e dialogare affinché la trasmissione dei saperi sia garantita e continui a costruire ponti solidi sul futuro": ad affermarlo il sindaco di Rende Marcello Manna in merito alla recentissima nomina di Antonio D'Elia quale presidente dell'Accademia Cosentina, il più giovane a ricoprire tale incarico nella storia plurisecolare del prestigioso ente.
Docente dell'ateneo Dante Alighieri di Reggio Calabria dove insegna storia della Letteratura calabrese, D'Elia è un dantista affermato, allievo di Antonio Piromalli e Dante Della Terza, oltre ad essere membro di numerosi comitati scientifici di riviste di italianistica, critica letteraria e letterature comparate e ad avere al suo attivo numerosi saggi critici e curatele ricoprenti l'intero arco della letteratura italiana da Dante ad Ungaretti.


"L'Accademia di Parrasio è sempre stata un importante centro di idee e amore per il sapere e lo spirito di crescita verso una conoscenza dell'umano in cui scienza e filosofia si intrecciano. La sfida del neo presidente D'Elia è quella di raccogliere l'eredità secolare dell'Istituzione cosentina e, con riguardo ai suoi più recenti predecessori Gullo, Carbone, D'Ippolito, Conforti, far ritornare l'Accademia allo spirito di crescita scientifico e poetico-filosofico-critico che fu proprio di Parrasio e Telesio. Siamo certi che riuscirà a radunare intorno a sé anche le menti più giovani e portare così nuove linfe culturali, sempre guardando al futuro, ma mai sconfessando, e non potrebbe essere diversamente, il passato", ha concluso il primo cittadino.