Celluloide
 

"Terra mia", il docufilm contro corruzioni e mafie di Ambrogio Crespi stasera su RTI Calabria alle 21.00

La corruzione in Italia è sempre stato scenario di notizie quotidiane. Oggi con la pandemia Covid19 e la crisi economica che il nostro paese sta attraversando, la criminalità organizzata trova terreno fertile su cui ampliare la propria rete malavitosa.

Secondo l'ultima indagine condotta da "Libera – contro le mafie", l'associazione di Don Ciotti, negli ultimi anni oltre il 13% degli episodi corruttivi ha riguardato la sanità. Ma non solo, dopo quasi un anno di traversie e senza certezze per il futuro, sono 15mila i ristoranti che rischiano infiltrazioni criminali. Anche l'Eurispes ha da poco presentato un rapporto dove emerge che Crotone, Vibo e Napoli sono le città più esposte con il più alto indice di permeabilità alla criminalità organizzata.

Proprio per tenere alta l'attenzione sul tema, questa sera su RTI Calabria, canale 12, ed in streaming sul sito dell'emittente andrà in onda in prima serata alle 21:00 il docufilm "Terra Mia" di Ambrogio Crespi. La pellicola ha vinto il Festival Internazionale del Cinema di Salerno nel 2019 ed ha partecipato al Reggio Calabria Filmfest, narra di 'ndrangheta, camorra, di omicidi, di guerre, di scuole, di droga, di emigrazione, di lavoro che non c'è. Uno spaccato di vita dei paesi dell'Aspromonte dove, secondo la cultura popolare e contadina, s'impone la doverosità della vendetta proporzionata all'offesa subita.

Con la partecipazione di Gaetano Saffioti noto testimone di Giustizia in Calabria, Don Luigi Merola fondatore de 'A voce d'e Creature, Benedetto Zoccola testimone di Giustizia in Campania, Luciana Careri fidanzata del Carabiniere Carmine Tripodi ucciso a San Luca , Mimma Cacciatore preside coraggio di San Luca, Michele Inserra giornalista d'inchiesta, Klaus Davi massmediologo, Cosimo Sframeli Tenente dei Carabinieri, Terra Mia vuole dare luce a chi ha avuto il coraggio di denunciare la corruzione, la mafia, l'ndrangheta, la camorra. A chi riconosce nella propria terra un futuro di vita e non un futuro di morte. Un film che da una visione di speranza e luce.