Catanzaro
 

Regionali, Maurizio Lupi in Calabria per presentare i candidati di “Noi per l’Italia”

E' in programma domani 14 settembre alle ore 15,00 presso l 501 Hotel la cerimonia di presentazione della lista dei candidati al Consiglio Regionale di "Noi con l'Italia" alla presenza del Presidente del Partito Maurizio Lupi. All'incontro parteciperanno Michele Ranieli Coordinatore di Collegio, Eraldo Rizzuti Segretario regionale "Popolo della famiglia", Pino Galati Referente politico territoriale, Roberto Occhiuto candidato alla Presidenza della Regione Calabria, Saverio Romano V.Presidente vicario del Partito, Alessandro Colucci Segretario Ufficio di Presidenza della Camera dei Deputati e Giampiero Samori V.Presidente del Partito.

L'incontro con stampa e cittadinanza è stato organizzato dal Partito "Noi con l'Italia", formazione politica che a queste elezioni regionali della Calabria sostiene il candidato alla Presidenza Roberto Occhiuto.

"Nata nel 2018, fa capo all'ex deputato di F.I. Maurizio Lup e, oltre ad essere espressione del Centrodestra, è concreto punto di riferimento per riformisti, cattolici e liberali, moderati. Una sorta – si legge in un comunicato stampa di Michele Ranieli, coordinatore liste e responsabile comunicazione - di casa a quanti un tempo si riconoscevano nel vecchio pentapartito e che oggi non si riconoscono neppure nelle posizioni di Salvini e della Meloni.

L'iniziativa in cantiere sarà innanzitutto utile occasione per presentare la lista di alto livello che nelle tre circoscrizioni della Calabria è stata allestita con candidati che ben rappresentano i settori culturale, imprenditoriale e professionale della Regione. Ma non sarà solo questo. Infatti, certi del risultato positivo che verrà fuori dalle urne e che consentirà ai rappresentanti eletti di portare in seno al Consiglio Regionale le idee del partito, nel corso dell'incontro saranno illustrati i punti salienti del programma.

"Al primo punto – prosegue il comunicato - vi è un 'Piano straordinario per l'occupazione' che sulla base di quanto già sperimentato in Campania intende mettere nelle condizioni gli Enti Locali di completare le piante organiche depauperate dai pensionamenti. Sempre in tema di Pubblica Amministrazioni il partito si pone l'obiettivo di dare ai comuni le risorse umane specializzate per la digitalizzazione (definizione del sistema informatico). Altro punto importante del programma è quello di creare un Testo Unico delle leggi regionali per puntare alla sburocratizzazione. Poi si parla di Sanità con l'idea di riformare il piano regionale restituendo la Sanità ai calabresi dopo 12 anni durante i quali i commissariamenti hanno fatto lievitare la situazione debitoria del comparto causando persino la chiusura di strutture ospedaliere, depauperando cosi gran parte di tutto ciò che esisteva in medicina del territorio. Il programma, infatti, per invertire questa tendenza che tanti disagi ha creato, prevede il potenziamento della medicina territoriale attraverso la creazione di laboratori multifunzionali di prevenzione. Non ultimo la necessità che lo Stato si faccia carico dei debiti pregressi per lo più determinati proprio dai commissari nominati dai vari governi che si sono succeduti in questo periodo e la richiesta, sempre al Governo centrale, di una deroga in grado di consentire -così come avviene nella magistratura- che la Calabria diventi zona premiale per medici di alto profilo in maniera tale da favorire la scelta di operare in Calabria di eccellenze che operano al Nord perché meglio retribuiti.

Ne nutrito programma è prevista una rivoluzione culturale in tutti i settori con l'impegno concreto delle migliori risorse umane presenti sul territorio per liberare la Calabria dalla gestione romana".