Catanzaro
 

Omicidio Pagliuso a Lamezia, chiesti 30 anni per i presunti mandanti

Toga nuova 500 2Nel corso della requisitoria del processo, con rito abbreviato, nato dall'operazione antimafia "Reventinum", il pm, Andrea Buzzelli, ha chiesto la condanna a 30 anni di reclusione per Pino e Luciano Scalise, accusati di associazione mafiosa e di essere stati i mandanti dell'omicidio dell'avvocato Francesco Pagliuso, ucciso a Lamezia il 9 agosto del 2016.
 Il sostituto procuratore della Dda ha inoltre chiesto la condanna a 16 anni per Domenico Mezzatesta; a 10 anni per Cleo Bonacci, Angelo Rotella, Eugenio Tomaino, Giovanni Mezzatesta, Andrea Scalzo e ad 8 anni per Vincenzo Mario Domanico. L'assoluzione è stata chiesta nei confronti di Antonio Pulitano.

Gli imputati sono accusati di associazione mafiosa per avere fatto parte della cosiddetta "cosca della montagna", operativa tra i centri del comprensorio montano del Lametino. Una consorteria formata dalle famiglie Scalise e Mezzatesta, unite fino ai primi anni 2000 e poi divise per diverbi sulla spartizione dei proventi degli affari illeciti. Le due famiglie, per questo motivo, avrebbero dato origine a una faida che ha lasciato morti sul campo fino al 2017. Tra questi viene contemplato nel processo l'omicidio dell'avvocato Francesco Pagliuso il quale gia' prima dell'agguato del 2016 avrebbe subito da parte degli Scalise pesanti vessazioni come l'essere trasportato, incappucciato, in un bosco e minacciato davanti a una buca scavata ai suoi piedi. Di questo episodio e' accusato Pino Scalise, a capo dell'omonima famiglia di mafia.