Catanzaro
 

Bonus spesa regionali, Abramo e Concolino: "Dall'inizio della prossima settimana al via domande per famiglie in difficoltà nel post lockdown"

E' arrivato il via libera da parte della giunta Abramo alle procedure per l'erogazione dei buoni spesa finanziati dalla Regione Calabria nell'ambito delle misure di sostegno e solidarietà in favore di nuclei familiari in difficoltà, anche temporanea, nel post lockdown e residenti a Catanzaro. L'importante provvedimento è stato illustrato dall'assessore alle politiche sociali, Lea Concolino, sulla base della proposta dello stesso settore, diretto da Saverio Molica, che tiene conto dei requisiti e dei criteri già indicati dalla Regione Calabria con cui l'amministrazione ha firmato un'apposita convenzione. Il Comune di Catanzaro, per tale misura, è beneficiario di fondi che andranno a finanziare i buoni per l'acquisto di beni alimentari e di prima necessità, compresi farmaci e parafarmaci.

"Per garantire una gestione rapida, efficiente e trasparente della selezione delle domande che partirà all'inizio della prossima settimana – hanno commentato il sindaco Abramo e l'assessore Concolino – è stata condivisa l'idea di realizzare un'apposita procedura telematica, tramite l'ausilio del CED comunale, grazie alla quale sarà possibile effettuare la verifica anagrafica in tempo reale dei dati inseriti dagli utenti. Un lavoro che ha richiesto un confronto tecnico lungo e complesso, necessario per allestire una piattaforma informatica al fine di scongiurare possibili errori nella compilazione delle istanze e garantire una risposta stabile e sicura".

L'amministrazione ha rispettato le priorità indicate dalla Regione nel dare sostegno, in primis, alle famiglie che non hanno recepito alcun reddito o sussidio, ovvero hanno goduto di un reddito non superiore ai 780 euro, nel periodo del lockdown (dal 9 marzo al 3 maggio 2020). In secondo ordine, potranno beneficiare dei buoni i nuclei che hanno percepito un reddito non superiore ai 780 euro nel mese precedente all'invio dell'istanza. Infine, potranno inviare la domanda anche tutti coloro che non rientrano in tali fasce e che saranno presi in considerazione, in base ai redditi e alla dimensione dei nuclei familiari, qualora ci fossero risorse residuali.

L'avviso pubblico sarà consultabile all'inizio della prossima settimana e contestualmente sarà attivato il sistema per la registrazione degli utenti e l'invio delle istanze online. Inoltre, sarà diffuso anche l'avviso rivolto agli esercenti disponibili ad accettare i buoni spesa e che avranno la possibilità di aderire inviando una PEC al settore politiche sociali. Ancora, per supportare gli utenti in difficoltà, saranno adibiti sportelli dedicati presso i CAF aderenti all'iniziativa, nonché presso il Centro Servizi al Volontariato e gli uffici delle politiche sociali. Si avvisa, inoltre, che non saranno prese in considerazione le domande inviate con modalità non previste e precedentemente alla pubblicazione dell'avviso.