Catanzaro
 

Lamezia Terme (Cz), il 26 e il 27 anteprima nazionale al Tip Teatro de “Il Vespro della Beata Vergine” di Antonio Tarantino

Scenari Visibili e il TIP Teatro chiudono la diciassettesima edizione di RICRII (#vistocherespiro) con la nuova produzione teatrale, "Il Vespro della Beata Vergine" di Antonio Tarantino. Per l'occasione, il TIP Teatro di Via Aspromonte riapre le porte dopo la pausa estiva (che ha visto comunque alcune iniziative culturali e letterarie, sempre nel rispetto delle norme anti-Covid) IL VESPRO DELLA BEATA VERGINE
di Antonio Tarantino Con Dario Natale; regia di Mauro Lamanna.
disegno sonoro Alessandro Rizzo/Video Mapping Ejab Halabi Kher/ scena Pasquale De Sensi/contributi strumentali Mattia Natale-Donato Parente/vfc Giorgia Morabito/abito di scena Santina Nicotera/foto Luca Imperiale/produzione Scenari Visibili.

La fulminea parabola teatrale di Antonio Tarantino costituisce ancora oggi, a venti anni di distanza dalla sua prima affermazione ed a pochi mesi dalla scomparsa, un enigma solo in parte decifrato. Militante politico,pittore,drammaturgo e infine attore. Tarantino è figura sfuggente e proteiforme , la sua opera dalla Tetralogia delle Cure a Materiali per una tragedia tedesca, da Gramsci a Turi ai Quattro Atti Profani (a cui appartiene Il Vespro della Beata Vergine), ha scardinato le strutture della tradizione, mentre la sua lingua ha rappresentato una sfida per almeno due generazioni di teatranti italiani. Accolto inizialmente come figlio perduto di Pasolini e Testori, il drammaturgo torinese si è ben presto rivelato custode di un universo teatrale inedito e misterioso...." io credo ho sempre creduto che gli dei, i miti e gli eroi non siano mai scomparsi dal nostro mondo e, anzi, lo popolino oggi come nell'età dell'oro. Basta solo saperli scorgere, interpretarne il linguaggio,vederli in trasparenza...coloro cioè che lascino che la luce li trapassi. Sono, costoro, divinità ignare." da L'eresia del dolore, il teatro di Antonio Tarantino di Massimo Lechi ed.Titivillus.