Calcio
 

Reggina, Gallo: "Ho ringraziato Baroni per la salvezza. Non ero d'accordo sullo stop in Serie B"

baronigalloBandiera bianca? No, amaranto. A due partite dal termine, con la Reggina ormai scivolata in decima posizione, il massimo dirigente Luca Gallo si è presentato in conferenza stampa al termine del 2-2 contro l'Ascoli.

"So che i proclami di inizio stagione erano differenti. Probabilmente la tifoseria non è del tutto soddisfatta. Una tifoseria come quella della Reggina non può essere soddisfatta – le prime parole di Gallo - Ho ringraziato il mister. Ricordo la notte in cui presi la decisione di ingaggiare Marco Baroni. Fu una sorta di capodanno. Quando lo incontrai, ero in condizioni non buone perché mangiavo e dormivo poco. Ricordo che il mio unico intento era quello di salvare la Reggina, lui mi promise che ci sarebbe riuscito. E per la prima volta, quella notte, riuscì ad addormentarmi. Consideriamo che questo è stato il mio primo anno di Serie B. La prima volta che ho fatto la C interamente l'ho vinta, quest'anno non ci sono riuscito".

L'assenza del pubblico ha caratterizzato la stagione: "Ho detto a mio fratello che spero sia la penultima volta in cui vedo il Granillo vuoto. Per Reggio è stato un handicap forte. Quello di oggi è un ottimo traguardo. Ringrazio l'allenatore per aver mantenuto la promessa di ottenere la permanenza. Ringrazio lo staff tecnico, tutto. Lo staff sanitario. Tutti coloro che lavorano al Sant'Agata. Ringrazio lo staff stampa del club, il personale amministrativo, i manutentori nonché il barista Bruno Lofaro ed il personale di mensa".

Poi sul futuro e sul prosieguo del rapporto con Baroni: "Cercheremo di battagliare nelle prossime due partite, non si sa mai. Come potrei dire che il pensiero non è quello di continuare con il mister? Quando trovi una persona che dice una cosa e la mantiene, devi almeno provare a tenerla. Poi al tavolo ci si siede in due. Gli verrà offerto un contratto, cercherò di arrivare il più vicino possibile a ciò che lui pensa di avere. Fin adesso mi ha sempre detto che sarebbe contento di rimanere qui".

Circa la residua speranza playoff: "Questi sono ragazzi sani. È un buon gruppo. L'allenatore è ambizioso. Ci spero fino all'ultimo. Dovranno giocare contro di noi. Lo stadio? Dovete chiedere a Fabio De Lillo, come dirigente se ne sta occupando lui. Chiaro che io sono al corrente dei passi fatti. La Reggina vuole avere uno stadio proprio. Lo stop del campionato? Non ero d'accordo, eravamo lanciati e siamo stati penalizzati".