Calcio
 

La Reggina è in Serie B

stadio granillo nuova 600Confermate in B le promozioni di Monza, Vicenza e Reggina. E' quanto emerge dal Consiglio federale in corso di svolgimento a Roma sui campionati di calcio, dopo lo stop causato dall'emergenza Coronavirus.

Raggiante il patron della società amaranto, Luca Gallo, in un videomessaggio ai tifosi: "Volevo essere il primo a dare questa notizia ai tifosi della Reggina e alla città di Reggio. La Reggina l'anno prossimo giocherà di sabato, la stagione 2020-2021 la giocherà in serie B, dopo aver vinto il campionato di Serie C, girone C. Questo dovevo e questo sono felicissimo di comunicare. Forza Reggina sempre".

Anche il sindaco d Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ha celebrato il ritorno della squadra nella serie cadetta, con un post su facebook: "Anche il E' strano festeggiare una promozione di lunedì. Che giorno è per una festa? In genere il lunedì si odia, lo diceva pure Vasco. E Vasco è Vasco. Ma questa Reggina c'ha abituato a stravolgere pronostici e certezze. Niente è normale se lo colori di amaranto. Via da questa categoria. Si torna in B. Balliamo il Rock&gol, che i tempi belli sono tornati. Come nel '65, come a Perugia nell'88, come quando uno scialbo 0 a 0, in casa contro il Siracusa, spalancò le porte della promozione all'urlo di Mino Baccillieri: "...Bravo Mariotto! Bravo Pasino! Bravo Torbinoni! Bravissimo Aglietti!". E pensateci: chi hai mai festeggiato uno 0 a 0? La Reggina ha questo di speciale: è luce nel buio. E' la fierezza di Gallo e la potenza di Denis. Salutiamo la B, ma lasciamola presto! Scappiamo via come faceva Possanzini sulla fascia, come Lunerti correva sotto la curva. Veloci come il vento..."

L'assessore regionale alle Infrastrutture, Domenica Catalfamo, ha espresso soddisfazione per la promozione in B della squadra amaranto: "É fatta. Dopo una lunga, esaltante cavalcata la Reggina, la nostra Reggina, è tornata in B, il secondo campionato professionistico di calcio più importante d'Italia. Le premesse erano nell'aria già la scorsa estate quando si sono gettate le basi di una società, rilevata pochi mesi prima dal Presidente Luca Gallo, solida, organizzata, con adeguate risorse economiche e la scelta di un allenatore serio e preparato come Mimmo Toscano, un reggino doc, uno di "noi", che ha costruito una rosa affidabile e competitiva insieme al DS Massimo Taibi.

La partenza-sprint e i tanti punti di vantaggio accumulati in poche settimane avevano comunque sorpreso tutti, sostenitori ed avversari ma l'alto livello della competizione che presentava al via squadre di grande tradizione, induceva a tenere desta la soglia d'attenzione. É arrivato anche un momento di flessione che in un torneo lungo e logorante è facile accada, ma i ragazzi sono stati bravi a gestirlo e superarlo.

"Alla fine, si sa, i numeri non mentono: 21 vittorie su 30 partite disputate, 59 reti segnate e 19 subite, miglior attacco e miglior difesa del girone la dicono lunga su chi è stata la squadra più forte. Il campionato purtroppo è stato interrotto bruscamente e questo ha tolto alla squadra ed ai tifosi la soddisfazione di procedere con la propria cavalcata vincente continuando a dimostrare in campo i propri evidenti meriti. Oggi tutto si è concluso con il dovuto riconoscimento: la Reggina finalmente di nuovo in serie B.

A tutto lo staff va il plauso e il ringraziamento della città, della Provincia e di tutta la Regione perché una presenza in più nel calcio che conta è un vanto per tutto il nostro territorio.

L'importante ora è mantenere il livello d'eccellenza raggiunto e se possibile migliorarlo...continuiamo a sognare...

Lo meritano i tifosi, lo merita la squadra, lo meritano Reggio e la Calabria intera".