BCC Calabria, Nola: “L’unione è una mossa strategica, lungimirante per offrire migliori servizi ad un territorio così ampio”

Le assemblee di quattro realtà del credito cooperativo calabrese (Bcc del Crotonese, del Vibonese, del Catanzarese e di Cittanova) hanno dato vita ad una realtà bancaria importante dell'area meridionale della nostra regione; un segnale di grande vitalità del tessuto bancario cooperativo, in un territorio dove l'aggregazione può fare la differenza nell'erogazione di servizi, soprattutto nel settore del credito.

"Ammiro il coraggio dei presidenti delle quattro banche e dei soci che nelle Assemblee hanno deciso di dare vita a questo nuovo soggetto bancario che coprirà una vasta area della nostra regione, - mette in risalto Camillo Nola, presidente di Confcooperative Calabria - Quando vedo realizzarsi progetti cooperativi di ampio respiro come questo, non posso che esserne felice, perché sono il frutto di persone che accettano le sfide e dunque sanno mettersi in gioco nonostante le difficoltà. Sono certo che la Federazione del credito cooperativo, che mette assieme Calabria e Campania, saprà offrire il giusto supporto a questa nuova realtà che si appresta ad operare nei prossimi mesi."

"Voglio fare un in bocca al lupo al presidente designato Sebastiano Barbanti, che spero di incontrare a breve, - continua Nola - e un sentito augurio ai soci, dirigenti, dipendenti e collaboratori tutti della nuova BCC della Calabria Ulteriore, che sono certo sapranno promuovere ancora una volta la qualità del modello cooperativo e la sua efficacia soprattutto laddove il tessuto socio-economico è più frammentato e fragile."