Internalizzazione servizi INPS, Mammoliti: "Non può essere ente di derivazione pubblica a mettere in discussione la stabilità occupazionale. Regione Calabria si batta per i lavoratori calabresi"

"Ancora un nuovo sciopero, una ulteriore protesta messa in campo dai lavoratori operanti presso il servizio di customer care dell'INPS per dire no ad un processo di internalizzazione che rischia di lasciare per strada centinaia di lavoratori e ridurre mostruosamente le condizioni economiche e normative dei fortunati che potranno accedere alla neocostituita azienda INPS Servizi. Alle lavoratrici ed ai lavoratori che quotidianamente rispondono al numero verde dell'Inps, offrendo assistenza a migliaia di concittadini bisognosi di chiarimenti e/o informazioni va il mio pieno sostegno e la mia vicinanza" – così Raffaele Mammoliti, candidato per il PD al consiglio regionale della Calabria nell'area centrale Cz-Vv-Kr si esprime sulla vicenda che interessa circa 200 lavoratori calabresi, di cui 34 operanti su Crotone.

"I lavoratori di Crotone, oggi dipendenti di Arotek, hanno già subito una ingiustizia decennale, rimanendo fuori dal percorso di salvaguardia al precedente cambio di appalto, oggi dopo aver lottato per i loro diritti ed aver ritrovato stabilità, si ritrovano nuovamente in balia di scelte scellerate. Ancor più grave che a causare instabilità occupazionale, e precarizzazione del lavoro sia un ente pubblico. La Regione Calabria non può disinteressarsi, come sempre, alle problematiche che vivono i lavoratori calabresi, deve prendere in carico questa vertenza facendosi portavoce delle istanze di questi nostri concittadini presso i massimi vertici dell'INPS e del Ministero della Funzione Pubblica. Il lavoro deve essere argomento cardine e principale della attività politica di una regione dove si registrano tassi di disoccupazione elevatissimi. Il prossimo 3 e 4 ottobre i calabresi hanno la possibilità di dare un messaggio chiaro, indicando nelle priorità dell'agenda politica il lavoro. È maturo il tempo affinché "il lavoro prima di tutto" da slogan elettorale si trasformi in pratica politica reale e concreta".