Regionali, Meloni avverte Spirlì e la Lega: "Vicepresidenza si decide dopo il voto"

occhiutomelonipp"Io penso che queste cose si decidano all'indomani del voto". Giorgia Meloni frena sull'ipotesi del ticket Roberto Occhiuto governatore per Forza Italia e Nino Spirlì suo vice per la Lega in caso di vittoria del centrodestra alle Regionali.

La leader di Fratelli d'Italia ha risposto alle domande dei giornalisti, a margine del comizio di ieri a Catanzaro: "Parlare di presunte divisioni di ruoli senza tenere conto del voto dei cittadini – ha spiegato – credo sia una mancanza di rispetto nei confronti degli elettori. Poi noi siamo una coalizione che ha sempre trovato queste soluzioni, ma io non rivendico niente prima del voto. Voglio chiedere ai calabresi quale debba essere il peso di Fdi, questo farò. Ma il palazzo appartiene ai cittadini, non ai partiti".

Pur mantenendosi a distanza da eventuali pronostici, la deputa FdI si è detta fiduciosa sull'esito delle elezioni in Calabria del prossimo 3 e 4 ottobre: "Vedo - ha proseguito - i nostri avversari molto in difficoltà e non solo qui ma su tutto il territorio nazionale. Si parla sempre di divisioni presunte nel centrodestra, ma poi mi pare che a sinistra ci siano 2-3-4 candidati, gente che non viene ricandidata e si candida da sola. Situazioni che vanno obiettivamente vanno molto oltre le discussioni che ci possono essere in una coalizione. Ma la campagna elettorale va condotta fino all'ultimo raccontando ai cittadini che idea di sviluppo abbiamo per la Calabria".

Infine, un passaggio sui rapporti nel centrodestra: "Ci siamo spesi più di tutti - ha proseguito Meloni - per l'unione del centrodestra, anche perché noi non abbiamo un piano B. Abbiamo chiesto anche agli alleati di chiarire che anche per loro le cose sono così, ci sono stati momenti nei quali abbiamo chiesto chiarezza e rispetto per il nostro lavoro. Poi, certo, la Calabria è un luogo in cui il centrodestra ha sempre avuto ottimi risultati".