Campanella (Prc Calabria): “Bando biblioteche, a che punto siamo?”

"Qualche settimana fa, il nostro Partito teneva un webinar dal titolo 'Lavoro e cultura', coinvolgendo lavoratori e lavoratrici del mondo della cultura. Tra i settori rappresentati, c'era quello delle biblioteche. Ed è su questo che vorrei concentrarmi, parlando dell'ultimo bando regionale relativo ad esso e che risale a un anno e mezzo fa. Si sa qualcosa circa l'approvazione dei progetti riguardanti, tra gli altri, digitalizzazione e accrescimento del patrimonio librario? Tanti enti stanno ancora aspettando la fine di questo iter infinito. Oltre a richiedere, naturalmente, una netta accelerazione in tal senso, bisognerebbe rivendicare a gran voce risorse annuali dedicate per supportare adeguatamente il sistema bibliotecario. Tante risorse giungeranno dall'Europa per quanto riguarda la cultura ed essa deve essere un pilastro di ripartenza e sviluppo. Quale indirizzo intende perseguire la nostra Regione. E soprattutto, bisogna tornare a dare centralità e dignità ad una figura di lavoratore e professionista trascurata, quella del bibliotecario, e in tal senso prevedere concorsi e assunzioni. Le biblioteche che come tanti altri luoghi sono rimaste chiuse durante la pandemia, devono tornare ad essere luogo di promozione culturale e socializzazione".

E' quanto si legge in una nota di Antonio Campanella della segreteria regionale PRC Calabria e candidato al Consiglio regionale.