Coronavirus, interrogazione di Anastasi (Io resto in Calabria) sul costo dei tamponi

Sul costo dei tamponi legati al covid-19, interviene il consigliere regionale Marcello Anastasi ("Io resto in Calabria"), con una interrogazione con richiesta di risposta immediata inoltrata al Presidente della Giunta regionale f.f. Antonino Spirlì.

"E' stato segnalata da più parti nella Provincia di Reggio Calabria una significativa oscillazione del costo dei tamponi effettuati dalle cliniche private operanti sul territorio. Queste ingiustificate cifre negano ad alcune categorie, economicamente svantaggiate, la possibilità di ricorrere a questo strumento importante di tutela della propria salute, con grande svantaggio in termini di prevenzione e controllo della diffusione del virus del Covid – 19. Oltre alla devastante emergenza sanitaria – fa presente Anastasi-, la pandemia ha rappresentato nella nostra Regione anche un'emergenza economica senza precedenti, mettendo in ginocchio le poche realtà produttive esistenti. Pertanto, la situazione economica non può e non deve essere una pregiudiziale alla salvaguardia della salute". Ricordando che "in altre Regioni, si è posto nei mesi scorsi lo stesso problema, arrivando ad un accordo con le strutture private, al fine di calmierarne i prezzi", Anastasi solleva la "necessità che tutti i soggetti in campo, Istituzioni, Sanità pubblica e privata, facciano squadra in modo da fronteggiare nel più breve tempo possibile e, nel modo più efficace, l'emergenza sanitaria.Da questo spirito costrittivo – spiega Anastasi-, nasce la richiesta rivolta al presidente della Giunta F.F. On. Spirlì – questione estesa anche al Commissario alla Sanità della Regione Calabria Longo- se esista la possibilità e la volontà di un accordo tra Regione e cliniche private che arrivi a regolamentare i prezzi dei tamponi, contrastando così le disparità economiche segnalate dalla popolazione".