“Basso Profilo”, sequestrate 59 società, 2 porsche e 1 lingotto d'oro

ferrari"La forza di intimidazione del vincolo associativo, condizione di assoggettamento e condizione di omertà sono tutti parametri che sono stati documentati nella presente indagine chiamata 'Profilo basso', denominazione che prende origine proprio dalle regole che i componenti si erano imposti: quello 'di mantenere un profilo basso'...". E' quanto ricostruisce la Dda di Catanzaro che ha coordinato l'operazione "Basso profilo" contro i maggiori esponenti delle 'ndrine tra le più importanti di Crotone, Isola Capo Rizzuto e Cutro come 'Bonaventura' 'Aracri', 'Arena' e 'Grande Aracri', nonché di imprenditori di spessore ed esponenti della pubblica amministrazione collusi con le predette organizzazioni criminali, come diffonde l'AdnKronos.

"Le investigazioni - evidenzia la Dda - hanno consentito di accertare che gli appartenenti al sodalizio hanno costituito un patrimonio societario e immobiliare grazie ai proventi delle attività illecite, tramite l'appoggio delle famiglie mafiose. Per questo motivo si sono creati i presupposti per l'emissione da parte della Procura distrettuale di Catanzaro di un decreto di sequestro penale ex art. 321 cpp nei confronti di nr. 47 soggetti. Tra i beni sequestrati figurano 59 società, 45 immobili, 29 autoveicoli di cui 2 Porsche (911 Carrera 4 e Boxter), 77 conti correnti, 24 carte di credito ricaricabili, 1 imbarcazione del tipo Invictus 370, 1 lingotto d'oro e 01 orologio Rolex.