Ndrangheta, interdittiva a società nel Lecchese

leccoUn'informazione antimafia, a contenuto interdittivo, e' stata emessa dal prefetto di Lecco, Castrese De Rosane, nei confronti di una societa', con sede a Calolziocorte (Lecco), operante nel settore edile ed immobiliare.

"La ricognizione informativa svolta - fa sapere la Prefettura - ha consentito di ricostruire la stretta vicinanza della societa' alla cosca lecchese di matrice 'ndranghetista dei Coco-Trovato, collegata alle famiglie De Stefano e Tegano di Reggio Calabria e Arena-Colacchio di Isola di Capo Rizzuto, quale elemento indiziario di permeabilita' dell'impresa alla criminalita' organizzata".

"Si tratta - spiega il prefetto De Rosa - di un provvedimento adottato dopo approfondita istruttoria, con la comune volonta' di salvaguardare l'economia legale dall'azione di soggetti in rapporto di continuita' con la criminalita' organizzata di tipo 'ndranghetista". Con questo provvedimento, salgono a 12 le interdittive antimafia emesse dalla Prefettura di Lecco negli ultimi due anni.