Morra non lascia, ma raddoppia: "Tallini presidente Consiglio Regionale fu provocazione di Santelli"

morrala7"Se il presidente della commissione Antimafia, per il rispetto di alcuni criteri su cui anche Forza Italia aveva dato voto favorevole, ti dice che Tallini è impresentabile e poi la defunta governatrice Santelli definisce Tallini integerrimo amministratore e lo pone provocatoriamente a capo del Consiglio regionale calabrese, qualche problema c'è". Così il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, ospite di 'Omnibus' su La 7.

"Mi domando e domando se sia fare servizio pubblico mandare in onda liberamente interviste a chiunque compreso il figlio di Riina ed impedire invece all'ultimo momento, mentre sta per essere microfonato ed essere giunto apposta in studio in un'altra città, un libero confronto in diretta con il presidente dell'Antimafia che aveva accettato di parlare sulla drammatica situazione che sta vivendo la Calabria". Lo ha affermato il presidente M5s dell'Antimafia Nicola Morra, ospite stamani a Omnibus su La7 "Qualcuno evidentemente - ha detto ancora Morra- reputa evidentemente che servizio pubblico significa imepedirmi di entrare in trasmissione fermandomi mentre vengo microfonato anzichè consentire di farmi le pulci e scartavetrarmi sulla Calabria e le mie posizioni come doverosamente ritenevo dovesse farsi in una trasmissione giornalistica del servizio pubblico. E' possibile che sia possibile intervistare tranquillamente nel servizio pubblico anche il figlio di Riina mentre viene accetato tranquilamente quanto accaduto a me?". Morra ha inoltre affermato di essere "consapevole" che contro le sue affermazioni sulla presidente Santelli era sceso in campo lo stesso MoVimento Cinque Stelle. E ha replicato direttamente al parlamentare di Forza Italia Alessandro Cattaneo che aveva definito "giusta e doverosa" la scelta della Rai di fermare l'intervista. "Visto che la pensa così e mi definisce personaggio nauseabondo e disgustoso - ha detto il presidente dell'Antimafia- per coerenza credo non avrebbe dovuto accettare di essere stamani qui con me in una trasmissione televisiva...". " ervizio publico posa intervuatre figlio tiotoò riina e aunt'altro e poi tranqu9illamente essere accettato sen che nbesuno fiato che oresudente anyimafia viene zittiuto giù migomato E lo dico sapendo anche losizionbe miop mopvimento. E a cvattaeno che i efinisce nasuaeabolndo forse non abvrebbe dovuto partecipare a qusta trasmissione