Calabria, nuove tecnologie a servizio degli agricoltori per uscire dalla crisi Coronavirus

La grave crisi che sta colpendo il Paese, sta mettendo in ginocchio il già asfittico settore agricolo. Per venire incontro alle esigenze degli imprenditori agricoli calabresi, i fratelli Tommaso e Vincenzo De Fazio, hanno dato appuntamento a Cropani (CZ), ad operatori del settore, per affrontare le problematiche legate alle colture specifiche del nostro territorio. Dalla riunione è emersa la necessità per tutte le aziende che operano in Calabria di dotarsi di attrezzature d'avanguardia idonee a facilitare le più variegate attività colturali.

Dopo un'esposizione puntuale e dettagliata, presso l'Azienda De Fazio, da parte del tecnico esperto Alex Carini, sales manager della Orsi, sui nuovi modelli di attrezzature utili alla trinciatura e, in generale, alla lavorazione del terreno, un gruppo prescelto di agricoltori si è recato sul campo per mettere alla prova i macchinari più sofisticati ed efficaci, per eseguire lavori a perfetta regola d'arte e nel minor tempo possibile. Con notevoli risparmi di risorse. Soddisfazione per l'iniziativa è stata espressa dai tecnici Elio e Aldo Siniscalchi, che da mezzo secolo sono punto di riferimento dei coltivatori di una vasta area centrale della Calabria: si espande dallo Ionio al Tirreno. In particolare, i Siniscalchi si sono dichiarati fiduciosi per lo sviluppo del comparto, anche grazie a queste nuove tecnologie che consentono, con agilità e risparmio, di affrontare le problematiche più diffuse e spinose dell'agricoltura calabrese.