Agorà
 

Catanzaro

Ecco gli eventi del Museo Archeologico Lamentino per le Giornate Europee del Patrimonio

In occasione delle GEP – Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days) previste per il 25 e il 26 settembre 2021, il Museo archeologico Lametino, in collaborazione con l'associazione di promozione sociale Ambrosia, presenta la programmazione dell'evento "Il diadema del Tesoro di Terina: dal 3D al tattile" previsto per sabato 25 settembre 2021 dalle ore 17.00 alle ore 21.00 con apertura straordinaria.

Il tema di quest'anno si fonda sullo slogan "Heritage: ALL inclusive", tradotto "Patrimonio culturale: TUTTI inclusi!"; un evento che vuole essere una riflessione sulla partecipazione al patrimonio culturale estesa a tutti i cittadini, includendo ogni fascia d'età, gruppi etnici, minoranze presenti sul territorio e persone con disabilità.

Per tali ragioni l'evento, in collaborazione con l'associazione Ambrosia che opera sul territorio lametino da decenni sui temi del sociale e dell'inclusività, si svilupperà in due fasi: la prima ludico-didattica destinata ai bambini attraverso una visita guidata ad hoc e la realizzazione di un laboratorio in cui sarà possibile visionare e toccare con mano la riproduzione 3D in modello tattile del diadema appartenente il Tesoro di Sant'Eufemia Vetere.

La seconda parte dell'evento, invece, sarà di tipo seminariale, destinata ad un pubblico di adulti, durante la quale il team di ricercatori indipendenti, costituito dalla dott.ssa Felicia Villella, dall'arch. Gabriele Simonetta e dall'arch. Francesco La Trofa, esporranno le fasi procedurali di ricostruzione 3D del diadema fino alla messa in stampa. Per l'occasione la stampa della ricostruzione 3D del reperto sarà donata all'istituto museale.

Di seguito i dettagli dell'iniziativa di sabato 25 settembre:

· ore 17.00 – 17.30: Visita guidata a misura di bambino (max 15 bambini età 6-8 anni) a cura della dott.ssa Felicia Villella;

· ore 17.30 – 18.30: Laboratorio di diagnostica junior: Com'è fatto il diadema? (max 15 bambini età 6-8 anni) a cura della dott.ssa Felicia Villella;

· ore 19.30 – 21.00: Seminario: Il diadema del Tesoro di Terina: dal 3D al tattile

intervengono:

- Saluti ed introduzione: Simona Bruni, direttrice Museo archeologico Lametino

- Il tema dell'inclusività nel settore dei Beni Culturali: Francesco La Trofa, architetto e giornalista, 3D & VR copywriter;

- L'importanza della comunicazione nel patrimonio culturale: dott.ssa Felicia Villella, diagnosta e tecnico di restauro;

- Dal 3D al tattile, il caso studio del diadema del Tesoro di Terina: arch. Gabriele Simonetta, architetto e 3D artist.

Durante l'apertura straordinaria, con prenotazione obbligatoria, sarà possibile prendere parte a due tour guidati tra le sale museali a cura dell'archeologo Antonio Vescio secondo gli orari 17.30 e 18.30.

Informazioni Evento:

Data Inizio: 25 Settembre 2021

Data Fine: 25 Settembre 2021

Costo del biglietto: gratuito

Prenotazione: tramite e-mail del Museo (nel rispetto delle norme anti-covid)

Posti disponibili: per la visita al museo ingressi contingentati a gruppi di 15 pax, per il laboratorio ludico-didattico più visita un gruppo massimo di 15 bambini (età 6 – 8 anni), per l'attività seminariale sono previsti massimo 30 posti a sedere (ingresso consentito con greenpass/certificato I o II dose o Tampone negativo nel rispetto delle norme anti-covid)

Luogo: Lamezia Terme, Museo archeologico Lametino

Orario: 17.00-21.00

Telefono: +39 3207984594

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chiusura col botto per “A Palazzo con lo Scrittore”: Catena Fiorello a Lamezia Terme per l’epilogo della rassegna

Ritorna martedì 28 settembre alle ore 20.00 nella quattrocentesca cornice del Chiostro del Palazzo del Seminario Vescovile di Lamezia Terme «A Palazzo con lo Scrittore», raffinata rassegna culturale ideata e diretta da Raffaele Gaetano che vede protagonisti affermati scrittori (letterati, filosofi, poeti, giornalisti, scienziati), ospiti nei palazzi e nelle ville storiche private della regione, che per l'occasione aprono le porte al pubblico.

Il terzo e ultimo appuntamento vedrà protagonista Catena Fiorello, tra le più note e amate scrittrici italiane, regolarmente ai primi posti delle classifiche di vendita con i suoi romanzi, dai quali sono stati tratti anche dei film di successo.

Sfondo del fitto dialogo con Raffaele Gaetano, Amuri, l'ultimo romanzo di successo della scrittrice, personaggio scoppiettante e coinvolgente che certamente ammalierà il pubblico partecipante.

Ma la rassegna «A Palazzo con lo Scrittore» allinea anche altri preziosi momenti come richiamare alla memoria la storia del dimora ospitante, in questo caso il Chiostro del Seminario Vescovile, affidata a un esperto di vaglia.
La seconda edizione del cartellone si sta dipanando in alcune antiche dimore storiche calabresi: Palazzo Passalacqua Marasco di Soveria Mannelli, Villa Cefaly Pandolphi di Acconia di Curinga e il Chiostro del Seminario Vescovile di Lamezia Terme. Tre eventi imperdibili per una totale immersione tra mobili di pregio, opere d'arte e giardini lussureggianti.

«A Palazzo con lo Scrittore», che gode del prestigioso patrocinio dell'Associazione Dimore Storiche Italiane, si è resa possibile grazie al sostegno di aziende private che credono fortemente nei progetti culturali di eccellenza: Arpaia, Credito Centro Calabria, Forgest, Mercadò.

Sbarra e Guarini chiudono domani a Gizzeria il Campo Scuola Fisascat Nazionale

Si concluderà domani a Gizzeria Lido la cinque giorni di formazione del Campo Scuola Fisascat Nazionale che ha coinvolto 35 giovani in percorsi educativi preziosi per potere operare o continuare ad operare nel mondo sindacale.

Tante e preziose le presenze che domani segneranno i lavori di chiusura. A partire dal Segretario Generale di Fisascat Cisl Davide Guarini, il segretario nazionale della Cisl Luigi Sbarra, quello della Cisl Calabria, Tonino Russo e quello di Cisl Magna Graecia Salvatore Mancuso.

Ad aprire i lavori il segretario regionale Fisascat Cisl Fortunato Lo Papa per i saluti. Il tema sviscerato nella giornata sarà: "Sociale ed esperienziale: i giovani e la formazione".

L'incontro con i Segretari Generali prevede una breve introduzione del Prof. Ambrogio Scognamiglio, docente universitario e formatore esperienziale e sarà moderato dal Prof. Marco Lai che puntualizzerà come le competenze digitali saranno il necessario supporto per comunicare e collaborare con gli altri e come gestire l'interazione sociale e sindacale tramite la tecnologia.

Catanzaro, Materia VI: oggi il pre opening nel quartiere marinaro con Emilio Salvatore Leo

Materia, il festival del design – organizzato da Officine AD degli architetti catanzaresi Domenico Garofalo e Giuseppe Anania di Officine AD, con il patrocinio del Comune di Catanzaro – sta per iniziare. Domani, da Palazzo Fazzari, nel cuore del centro storico del capoluogo, ci sarà l'atteso avvio della VI edizione.

Oggi, giovedì 23 settembre, alle ore 19, si terrà il pre opening di Materia nello show-room di Lemani casa, nel quartiere marinaro, con Emilio Salvatore Leo, direttore creativo del Lanificio Leo, la più antica fabbrica tessile della Calabria. Particolarmente interessato ai processi produttivi a bassa tecnologia ma con alto potere identitario, alla valorizzazione dell'errore e all'utilizzo non convenzionale della tecnologia. Negli ultimi anni ha partecipato come relatore a numerosi convegni nazionali sul rapporto tra impresa e cultura e sulle dinamiche design oriented come approccio all'innovazione. Nel 2006 è stato selezionato da Andrea Branzi per New Design Italia (Triennale, Milano) e ha vinto il premio "Toyp Italia Business 2009" della Junior Chamber International. Dal 2015 è inoltre direttore creativo del gruppo Rubbettino.

Riconoscimenti per lo scrittore catanzarese Marco Angilletti

Continua a portare alto il nome della Calabria il giovane scrittore catanzarese Marco Angilletti che negli ultimi mesi ha collezionato riconoscimenti in tutta Italia sia per la prosa che per la poesia.

A luglio Angilletti ha conquistato il primo premio al 24° Concorso Letterario Biblioteca di Trevi (Perugia), con il racconto "Giulia, la rivoluzione comincia da te", proclamato vincitore assoluto dalla giuria per l'uso sapiente delle immagini e per la significativa padronanza dei mezzi espressivi della retorica. Angilletti, partendo dalle sue origini, ha affrontato il dramma della 'ndrangheta, attraverso una narrazione straordinaria che impone riflessioni sulla responsabilità individuale e sull'educazione delle generazioni future.

Primo posto per Angilletti anche alla IX edizione del Premio Letterario Nazionale "Teatro Aurelio", con il patrocinio di Roma Capitale e Regione Lazio, nella sezione narrativa a tema; il racconto "Gli amori come il vostro", dedicato al tema della libertà di espressione ed emotiva, gli ha consentito di ricevere grandi consensi.

Sempre per la narrativa, il racconto "La panchina di Newtown" di Angilletti è stato selezionato – su 214 in gara – tra i dieci racconti vincitori del Premio La Quara, concorso letterario che da otto anni si svolge a Borgo Val di Taro, nel parmense. Nato da un'idea del prof. Massimo Beccarelli, con la spinta propulsiva del presidente di giuria, l'editorialista del Corriere della Sera Antonio Ferrari, il Premio ha dedicato l'edizione 2021 al tema della solitudine. I dieci racconti vincitori sono stati pubblicati nel libro "Solitudine" a cura di MUP Editore.

Per la poesia, invece, Angilletti è entrato nel novero dei finalisti della V edizione del Premio Maria Virginia Fabroni a Tredozio (Forlì-Cesena) con tema dedicato ai sentieri dell'esilio dantesco; la lirica di Angilletti, intitolata "La maschera e l'esilio", ha guadagnato la finale tra oltre 450 poesie in gara.

Grazie ai riconoscimenti ricevuti a livello nazionale che danno lustro all'intera Calabria, la Fondazione Amalia Vilotta ha conferito a Marco Angilletti il Premio Speciale "Miglior artista calabrese emergente", in occasione del Gala di premiazione del Concorso nazionale di poesia Amalia Vilotta – XII edizione.

A Catanzaro il primo Premio “Fabrizio Ferrigno”

Martedì 28 settembre si terrà a Catanzaro, a quasi un anno dalla sua dipartita, il Primo Premio Fabrizio Ferrigno, capitano dell'ultima promozione in serie B.

La manifestazione avrà luogo al Politeama e vedrà la partecipazione di dirigenti, calciatori, tifosi, giornalisti e quanti lo conobbero fuori dal calcio, nel periodo storico in cui Ferrigno rivestì la maglia giallorossa.

La serata sarà anche l'occasione per la presentazione dell'Enciclopedia del Catanzaro, curata da Adriano Macchione e per la proiezione del trailer del Film di Vittore Ferrara e Pino Iannì sulla storia di Catanzaro e del Catanzaro calcio.

Hanno già dato adesione all'iniziativa, oltre alla famiglia Ferrigno, alcuni compagni di squadra dell'epoca, tra cui Corona, Pastore, De Simone, Caterino e Toledo.

Nell'occasione, a chi ne farà richiesta, saranno distribuiti i volumi 21, 22, 23 e 24 dell'Enciclopedia del Catanzaro, relativi agli anni in cui c'era Fabrizio Ferrigno, con offerta libera il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza.

L'ingresso è gratuito, ma considerate le restrizioni per le norme relative alla prevenzione del Covid 19, il numero dei posti sarà limitato. Per poter accedere in sala bisognerà prenotarsi sul sito www.otherwise.events . L'ingresso sarà consentito solo a chi è munito del Green Pass.

Materia Festival: oggi al via le esposizioni

Contaminazione, Giovani, Territorio, Iconico, Socialità, Eventi: sono le 6 parole chiave che racchiudono la VI edizione di MATERIA - tra i più importanti eventi sul design a livello nazionale, organizzato da Officine AD degli architetti catanzaresi Domenico Garofalo e Giuseppe Anania, con il patrocinio del Comune di Catanzaro - che partirà oggi, 24 settembre.

Saranno tre intense giornate, fino al 26 settembre, tra esposizioni, talk ed eventi, con una formula fresca e frizzante, ma sempre nel rispetto delle normative Covid, e in una nuova e prestigiosa location nel cuore del centro storico del capoluogo calabrese, Palazzo Fazzari.

Oggi l'esposizione aprirà al pubblico alle ore 17, mentre l'anteprima per la stampa sarà alle ore 16. Alle 19 ci sarà il primo talk dal titolo "Dialoghi materici tra territorio e poesia"con i Tip Studio – Imma Matera e Tommaso Lucarini.

COSA SI POTRA' VEDERE A MATERIA

La "Collezione Santa", realizzata nel 2020 e mai mostrata dal vivo al pubblico, dove simboli e arredi religiosi sono stati re-immaginati in una chiave non convenzionale e a volte ironica: l'inginocchiatoio progettato da Matteo Cibic e realizzato da Studio F Atelier; il trono super colorato, con le frange, ideato da Elena Salmistraro e realizzato dall'azienda Domenico Cugliari; l'ostensorio reinterpretato da Sara Ricciardi; l'altare meccanico progettato da Tommaso Spinzi e realizzato da Edilmarmi Mazzotta; infine, la misteriosa Madonna Viola, disegnata da Antonio Aricò e ricamata su tulle da Anna Battaglia. Saranno presenti anche i due prodotti vincitori della call 2020 "Miracoli di Design" riservata agli under 40: "Lanterna" della romana Valentina Mancini e "Segnacoli" della siciliana Stella Orlandino. Spazio importante, come sempre ai giovani, con le collezioni di Imma Matera e Tommaso Lucarini, alias i Tipstudio, il duo creativo nato tra Matera e Pietrasanta, vincitore di ben due edizioni di Materia.

Il Festival crede fortemente nella valorizzazione del territorio, forte della convinzione che vi possa essere un nuovo modo di narrare la Calabria, il Sud e il Mediterraneo, proprio grazie al design dove si combinano manualità, idee, intuizione e originalità. Seguendo questo pensiero, uno degli spazi espositivi di questa edizione sarà dedicato al progetto Designing Grand Tour promosso da Lanificio Leo, Rubbettino Editore e Torri Lana 1885, con la direzione artistica di Emilio Salvatore Leo e Studiocharlie.

Quest'anno saranno tre i personaggi iconici celebrati, con la presenza di oggetti di design da loro progettati: uno dei più importanti maestri italiani della progettazione, del design inteso come progetto nel suo senso più ampio, Ludovico "Vico" Magistretti; uno dei massimi protagonisti dell'arte, del design e della grafica del XX secolo, artista, designer e scrittore italiano, Bruno Munari; uno delle figure più emblematiche del design italiano, un Maestro, scomparso proprio un anno fa, Enzo Mari.

EVENTI E TALK

Un elemento che contraddistingue Materia sono i talk. Momenti di incontro e confronto con i protagonisti del design italiano e non solo. Gli incontri di quest'anno vedranno come ospiti: Tip Studio, il duo creativo multidisciplinare nato tra Matera e Pietrasanta, con base a Firenze, vincitore di ben due edizioni del Festival; Mauro Bubbico, grafico professionista, che privilegia i temi dell'educazione ambientale e sociale, raccontando i territori con inconfondibile personalità; Carlo Martino, architetto e designer; Enzo Calabrese, architetto e industrial designer, Compasso d'Oro nel 2014; Gianluca Peluffo, architetto affermatosi nel panorama internazionale dell'architettura per la sua attività creativa e di costruzione architettonica.

La finale si svolgerà domenica 26 settembre, a partire dalle ore 19, nella Casa delle Culture. La serata sarà scandita da tanti momenti, fra i quali, la donazione di alcuni giocattoli di design di Enzo Mari e Bruno Munari, da parte del Leo Club Rupe Ventosa e dell'azienda Ambiente di Paravati all'Unità Operativa di Ematoncologia Pediatrica dell'A.O. Pugliese-Ciaccio di Catanzaro diretta da Maria Concetta Galati.

Tutto pronto per la VI edizione del Materia Festival

Poche ore all'inizio della VI edizione di Materia e il festival del design – organizzato da Officine AD degli architetti catanzaresi Domenico Garofalo e Giuseppe Anania di Officine Ad, con il patrocinio del Comune di Catanzaro – sta facendo parlare molto di sé, anche per i suoi prestigiosi ospiti in arrivo.

Tra i tanti personaggi presenti dal 24 al 26 settembre nel capoluogo calabrese, ci saranno anche Enzo Calabrese e Gianluca Peluffo che interverranno nella giornata finale di domenica in due speciali momenti.

Enzo Calabrese è un architetto e industrial designer, ricercatore e professore in Composizione Architettonica alla Facoltà di Architettura dell'Università G. D'Annunzio. Tra i tanti premi ricevuti, ha vinto il Compasso D'oro nel 2014 e il premio EDIDA International Design Award nel 2012.

Gianluca Peluffo è un architetto, dottore in progettazione architettonica e, attualmente, professore alla Facoltà Kore di Enna. Per la sua attività culturale nel 2003 è stato insignito del titolo di "Benemerito della Scuola e della Cultura" dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E' chiamato in tutto il mondo per i suoi progetti: da Roma a Marsiglia, dalla Francia all'Egitto. Tanti i riconoscimenti otteuti per le sue progettazioni, ad esempio, nel 2011, ottiene il Philippe Rotthier European Prize for Architecture e l'International Chicago AthenaeumPrize.

Il 26 settembre, alle ore 11, a Palazzo Fazzari, Gianluca Peluffo presenterà il suo libro "Il Giuramento di Pan - Per una fratellanza estetico politica in architettura", con la moderazione dell'architetto Francesca Arcieri; mentre alle ore 11.30, la designer Natalia Carere condurrà la presentazione del volume di Enzo Calabrese, "Fino all'illusione del Luogo - ritorno dal web". Nella stessa giornata, sempre con questi volti noti del mondo dell'architettura e del design, alle ore 19 ci si sposterà nella Casa delle Culture del Palazzo della Provincia per la serata finale di Materia che partirà con un frizzante talk dal titolo "La materia della luce - Tra fare, sapere, saper fare e far sapere". Sarà presente anche l'architetto e ricercatore Isidoro Pennisi dell'Università degli Studi "Mediterranea" di Reggio Calabria-Dipartimento di Architettura e Analisi della Città Mediterranea.