Agorà
 

Camini (RC), giovedì l’incontro con Danilo Chirico e il suo saggio “Storia dell’antindrangheta”

C'è anche una Calabria diversa, lontana dagli stereotipi che la dipingono vittima inerme (se non addirittura complice) della malavita, c'è una Calabria che ha saputo – e sa – alzare la testa e ribellarsi, una terra che non ha paura di guardare in faccia il male e affrontarlo. È questa la Calabria che Danilo Chirico racconta nel libro appena edito da Rubbettino "Storia dell'antindrangheta".

Il libro ricostruisce per la prima volta i movimenti per l'occupazione delle terre, le lotte politiche e per il lavoro, le vertenze ambientaliste, le denunce della Chiesa, i conflitti sociali, i cortei studenteschi, le vicende personali e collettive di tutti coloro che in Calabria hanno combattuto la criminalità organizzata dal secondo Dopoguerra ad oggi. Ripercorre anche i fatti della "strana" storia della Marcia della Pace "Perugia-Assisi" che – unica volta in 60 anni – nel 1991 si tenne fuori dall'Umbria. Si trasferì in Calabria per la storica manifestazione "Reggio-Archi". Quel giorno decine di migliaia di persone provenienti da ogni parte dello Stivale sfilarono contro la 'ndrangheta costruendo una pagina significativa della storia della Calabria e aprendo la stagione dell'antimafia sociale italiana che si consoliderà dopo le stragi del 1992. Questo di Danilo Chirico è il primo libro mai scritto sull'antindrangheta, non è però solo una celebrazione del mondo dell'impegno sociale calabrese da cui lo stesso autore peraltro proviene, ma ne analizza anche le miserie, le divisioni provando a indicare anche una rotta per uscire dalla crisi in cui si trova oggi il movimento antimafia calabrese e italiano.

Giovedì 29 luglio, ore 19.00, in Piazza Municipio, incontro con Danilo Chirico per la presentazione del saggio. Interverranno il sindaco Giuseppe Alfarano e il presidente della Eurocoop Jungi Mundu, Rosario Zurzolo.