Agorà
 

Nuovo appuntamento sulla Rivolta di Reggio Calabria del Circolo Culturale "L'Agorà"

Continua la programmazione in remoto del Circolo Culturale "L'Agorà" con un nuovo incontro inerente alla rivolta di Reggio Calabria del 1970. In questa occasione il sodalizio culturale reggino presenterà il volume dell'onorevole Aloi "I fatti del '70. Reggio: rivolta di popolo". In presenza dell'autore del saggio storico verranno ripercorse le varie tappe che sancirono quella che è stata definita la rivolta urbana più lunga del novecento europeo.

Tutto ebbe inizio il 5 luglio, con il famoso "Rapporto alla Città" da parte del primo cittadino di allora Piero Battaglia, una pacifica protesta, l'occupazione dei binari della stazione centrale di Reggio Calabria, la violenta reazione da parte delle forze dell'ordine, il primo caduto il ferroviere Bruno Labate e tanti altri episodi che fanno parte della storia di Reggio e del suo territorio. . Diversi furono gli accadimenti che si verificarono nella Città dello Stretto e che ancora su molti dei quali cala una fitta serie di interrogativi ancora irrisolti. La rivendicazione del capoluogo fu allora solo uno degli aspetti di quei fatti. i "Moti di Reggio Calabria" ritraggono una rivolta morale scaturita da profonde origini sociali ed economiche che rimangono sfortunatamente in vigore ancora allo stato attuale. Nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data dal 26 febbraio.