"Vogliamo giustizia". Cinque anni fa la scomparsa di Maria Chindamo

maria chindamo manifestazioneManifestazione a Limbadi organizzata da Libera per ricordare Maria Chindamo, la commercialista e imprenditrice di Laureana di Borrello, rapita e scomparsa la mattina del 6 maggio 2016. Dinanzi alla proprietà di Maria, in località Montalto, si sono ritrovati i figli Federica, Letizia e Vincenzino.

 

Un appello per arrivare alla verità sul caso è stato lanciato dalla madre di Maria Chindamo. "Vogliamo trovare i responsabili della scomparsa di Maria - ha dichiarato la madre - e ringrazio le istituzioni e le tante persone anche oggi presenti che non ci hanno mai lasciato soli". Il figlio di Maria ha, invece, rivolto un invito ai rapitori della madre invitandoli a far luce sulla scomparsa. Vincenzo Chindamo, fratello di Maria, ha invece dichiarato: "Mia sorella è stata condannata a morte da un tribunale clandestino e ogni giorno ne sentiamo la mancanza. Il cancello dove è stata rapita Maria si e' trasformato oggi in un simbolo di rinascita del nostro territorio".

Alla manifestazione hanno partecipato i vertici provinciali delle forze dell'ordine, il prefetto di Vibo Valentia, Roberta Lulli, ed il questore Raffaele Gargiulo. Presente anche il sottosegretario per il Sud, Dalila Nesci, ed i sindaci di Limbadi, Laureana di Borrello e Sant'Onofrio. Tanti anche gli studenti presenti unitamente a don Ennio Stamile. (AGI)

Creato Giovedì, 06 Maggio 2021 17:11