Reggio Calabria
 

Brogli elettorali a Reggio Calabria, il Pcl: "Si torni a votare"

"Il Partito Comunista dei Lavoratori - si legge in una nota - non è certamente sorpreso sugli sviluppi delle indagini sui brogli elettorali alle comunali di Reggio Calabria.

Essi confermano l'esistenza di una pianificazione dei brogli e fanno capire se ce ne fosse ancora bisogno, in quali condizioni reali si è svolta la "campagna elettorale" di Reggio Calabria.

Per le prossime elezioni è probabile l'istituzione di sezioni elettorali presso i cimiteri del comune!

E' chiaro come, al di là degli aspetti formali, sindaco e consiglio comunale odierni non hanno alcuna legittimità politica.

Altro che auspicare un loro cambio di passo. Si torni a votare.

Il PCL, - continua la nota - pertanto, rinnova l'invito, ad oggi inascoltato (forse per settarismo?), alla costituzione di un comitato per la difesa degli spazi democratici a Reggio Calabria.

Ciò anche per bloccare la strumentalizzazione delle forze di destra, alcune delle quali sono compagni di avventure del PD e dei 5Stelle nel governo Draghi e, in generale, consoci in un sistema di trasversalismo generalizzato con quegli stessi partiti.

Brogli e inciuci, così procede la democrazia borghese".