Reggio Calabria
 

Reggio, gli auguri di Legambiente al nuovo vicesindaco Perna

"Salutiamo e accogliamo la scelta del professor Tonino Perna a Vice Sindaco della Città di Reggio Calabria senza dubbio come una buona notizia. Essa lascia ben sperare sulla possibilità, dopo lungo tempo, di tornare a incidere e a caratterizzare con "gli occhi del sociale" - in alcuni casi invertendo direzione di marcia - l'indirizzo, le decisioni, i provvedimenti dell'Amministrazione Comunale. Questo prima di tutto su un'idea di futuro desiderabile e su temi fondamentali del vivere urbano, a partire da quelli, su cui siamo impegnati e che ci sono particolarmente cari: la sostenibilità e qualità ecologica, la centralità della mission di gestione efficiente dei beni e dei servizi, nonché la profonda riqualificazione, reinterpretazione e valorizzazione dell'ambiente urbano, a cominciare dalle periferie.

Ci pare importante evidenziare come Tonino Perna, oltre ad avere nel proprio bagaglio personale importanti e complesse esperienze professionali e amministrative, che vengono a giusta ragione richiamate, è uno dei "padri" e degli interpreti più noti della cultura ambientalista e pacifista, ben oltre il livello calabrese. Parte di uno slancio e di un percorso collettivo che lo hanno visto tante volte protagonista in primo piano.

Con lui, in passato, per lunghi anni noi di Legambiente abbiamo condiviso, in diverse occasioni, progetti culturali e battaglie ambientali-sociali importanti, spesso vincenti, trovandoci molte volte sintonizzati sulla stessa frequenza e accomunati nella stessa visione ideale relativa alla nostra Terra calabra, al nostro Paese e al Pianeta.

Le deleghe che - in questo caso con giusta intuizione - il Sindaco Giuseppe Falcomatà ha assegnato al neo Vice Sindaco - danno ruolo influente e aprono spazio già nell'immediato - per Perna e, conseguentemente per la nuova Giunta - alla messa in campo di scelte incisive, non ondivaghe né di facciata su questioni dirimenti.

I temi e lo spazio di manovra delle deleghe, come la partecipazione e la cittadinanza attiva, dovrebbero anche favorire la ripresa partendo da nuovi presupposti di un confronto schietto, leale e sereno con le associazioni ambientaliste e i corpi intermedi della società reggina.

Di primo acchito indichiamo alcuni dai punti sui quali viene offerta la possibilità di iniziare costruttivamente a misurarsi:

La Città Metropolitana dello Stretto come asse cardinale di una integrazione e un dialogo nuovo tra le città di questa preziosa area, che parta però dall'opposizione netta al Ponte. Ancora: la delega alla Città Metropolitana offre l'occasione irripetibile di aprire un "secondo tempo" per l'Area industriale di Saline Ioniche in rapporto stretto con la Città di Reggio Calabria. Dopo aver scongiurato grazie ad una epica lotta l'incubo di una centrale a carbone occorre ora dar vita a un progetto di riqualificazione e valorizzazione di quell'Area ferita ma preziosa, utilizzando l'opportunità dei finanziamenti europei. Un obiettivo annunciato, avviato su nostra spinta, ma rimasto nel cassetto. Per quanto riguarda la delega a Tonino Perna ai Parchi, non si può prescindere secondo Legambiente dal realizzare il "sogno antico della Città", cioè il Parco Urbano sulla Collina di Pentimele, partendo dal Concorso Internazionale di Idee risalente agli anni della "Primavera di Reggio" e da quel "troppo poco" che è stato fatto successivamente. Infine per quanto concerne l'ambito delle deleghe all'innovazione sociale, alla cittadinanza attiva e all'identità territoriale partire dal "Laboratorio Arghillà", cioè da un quartiere emblematico di problemi ma di inesplorate potenzialità significherebbe dare corrispondenza amministrativa al lavoro sinergico di decine di associazioni accanto al Comitato di Quartiere.

Con questo spirito, raccogliendo il pensiero dei dirigenti, dei soci e dei simpatizzanti del Circolo esprimiamo al neo Vice Sindaco, con curiosità e fiducia, auguri di buon lavoro". Lo afferma in una nota il Circolo Legambiente Reggio Calabria Città dello Stretto