Reggio Calabria
 

Riparte l'anno scolastico, il messaggio del sindaco di Locri: "E' l'inizio di una 'nuova scuola'"

Di seguito la lettera del sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, in occasione dell'inizio del nuovo anno scolastico.

"Carissimi,

con grande emozione rinvolgo a Tutti Voi, l'auguri di un buon anno scolastico. Oggi per la nostra città, come per tutto il territorio regionale calabrese, sarà il primo giorno di scuola. Se vogliamo è proprio l'inizio di una nuova era, l'inizio di una "nuova scuola", dopo il tragico e obbligato lockdown a causa dell'epidemia Covid-19, che ci ha costretto a restare chiusi in casa per precauzione e prevenzione. Una nuova fase, dunque, ci accingiamo a percorrere, perché, con la speranza che tutto possa risolversi nel migliore dei modi e i contagi vadano sempre più a diminuire, ci ritroviamo a dover affrontare un anno scolastico diverso, sia per la situazione d'emergenza, sia per il nuovo modo di vivere la nostra vita di relazione con gli altri.

Con l'augurio che l'anno che andremo ad iniziare possa lasciare alle spalle di ognuno timori, preoccupazioni e tensioni. Non è stato facile per nessuno affrontare questo brusca interruzione, per noi amministratori chiamati al dovere per tutelare i cittadini e in primis l'istituzione scolastica; per le famiglie che, all'improvviso si sono ritrovate a dover conciliare vita familiare e lavorativa, ritrovandosi, alcuni, purtroppo, in crisi anche economica a causa delle interruzioni delle proprie attività lavorative; per la scuola, dirigenti, docenti, personale Ata, che hanno dovuto "riprogrammare tutto", e permettetemi, è stato difficile per tutti i dirigenti ed i insegnanti che hanno sostenuto, promosso e attivato la "Dad" permettendo agli studenti di non fermarsi, piuttosto continuando quel percorso formativo culturale che la scuola offre. È vero, è stato difficile, gli strumenti a disposizione sono stati pochi, ma nessuno si è arreso, nessuno è rimasto a guardare, perché la scuola, nonostante, tutto ha continuato a vivere, ha continuato a sostenere. E, oltre il ringraziamento a tutto il personale scolastico, un ringraziamento va alle famiglie e agli studenti che hanno saputo adattarsi ad un nuovo modo di apprendere, adeguarsi alle esigenze e assumersi i propri impegni. Tutti abbiamo assunto un atteggiamento responsabile, ma adesso, serve un maggiore sforzo, perché la scuola possa avviare la sua quotidianità nella normalità, tutto ciò per il bene e la salvaguardia della comunità. Non bisogna assolutamente "abbassare la guardia", e dobbiamo tutti quanti continuare a rispettare le regole indicate dalle Autorità preposte, utilizzando in maniera costante i dispositivi di protezione individuale.

Agli studenti, ai piccoli bambini che inizieranno il percorso nelle scuole materne, rivolgo l'invito ad apprendere giocando, un augurio agli alunni delle scuole elementari, medie e superiori che inizieranno il primo anno, che, se pur dovranno stare distanti tra i banchi, possano fare amicizie e intraprendere un percorso scolastico avvincente, perché l'istruzione è alla base di ogni azione. Agli studenti più grandi rivolgo l'auspicio di poter studiare con serenità apprendendo ogni giorno e formandosi come onesti cittadini. A loro e alle famiglie, ai genitori, il mio invito, soprattutto in fase emergenziale e di fronte a situazioni problematiche, di assumere atteggiamenti responsabili comportandosi da persone corrette, senza polemizzare, criticare ma costruendo insieme alle Istituzioni preposte; assumere un atteggiamento responsabile anche attraverso i mezzi di comunicazione, come i social media, strumenti che ci aiutano a stare più vicini e in contatto, ma senza cadere nelle falsità, nelle dicerie o pettegolezzi, piuttosto informandosi e informare attraverso le fonti ufficiali. Noi siamo con voi e con voi vogliamo costruire un percorso che possa considerarsi proficuo per il bene della collettività ma soprattutto per il bene di ogni persona, per la sua formazione personale, scolastica ed educativa. Stessa responsabilità che ogni genitore dovrà assumere nei confronti dei figli, aiutandoli, supportandoli e lavorando in sinergia con la scuola, senza opposizioni o fazioni, ma con suggerimenti e critiche costruttive.

Alle autorità scolastiche, rivolgo l'invito alla massima collaborazione perché il lavoro di squadra porta ottimi risultati e condividendo le problematiche si possono raggiungere prima gli esiti desiderati. Negli anni abbiamo sempre dimostrato di essere vicini al mondo della scuola, interessandoci delle situazioni sia in materia di edilizia scolastica che in merito ai servizi e progetti. Ci siamo sempre detti che la scuola deve vivere e lavorare in ambienti adeguati e il nostro impegno è massimo, e ora che gli ambienti hanno richiesto ulteriori adeguamenti, dettati dall'emergenza, è stato effettuato un piano di intervento urgente di lavori per la messa in sicurezza nonché per l'adattamento degli ambienti e delle aule didattiche per il contenimento del contagio relativo al Covid-19, con i fondi stanziati dal Governo.

L'Amministrazione sta lavorando per completare i lavori e altri interventi saranno effettuati sugli edifici scolastici. Si lavora con gli uffici preposti per garantire, dunque, luoghi vivibili e sicuri, ed inoltre, si sono compiuti e si stanno compiendo grandi sforzi per consentire la ripresa delle attività e della vita scolastica, seguendo tutte le norme e disposizioni anti covid. Gli uffici del Settore Pubblica Istruzione stanno lavorando per attivare tutti i provvedimenti necessari per l'avvio dei servizi scolastici per le scuole dell'istituto comprensivo di competenza comunale. Comunico che già da oggi, primo giorno di scuola, è attivo il servizio del trasporto scolastico, per quanto di nostra competenza, è già pronto il servizio mensa che permetterà alle famiglie di poter conciliare i tempi con il lavoro. Il diritto allo studio è garantito a tutti e sono già state attivate le procedure per l'assegnazione degli assistenti educativi ed esperti della comunicazione per l'inclusione dei ragazzi diversamente abili come da progetto multidisciplinare.

Rivolgo un particolare benvenuto ai nuovi dirigenti scolastici degli Istituti operanti sul territorio comunale, con l'auspicio di poter collaborare ed insieme lavorare affinché la scuola sia sempre parte attività e attore principale nella vita della comunità.

Grazie ai dirigenti scolastici che hanno lasciato le proprie scuole, ognuno per motivi diversi, per aver contribuito alla formazione degli studenti e dei docenti.

Nostra volontà, degli assessori e dei consiglieri che si occupano del Settore Pubblica Istruzione, è quella di condividere la vita scolastica e l'augurio è di poter affrontare al meglio questo anno che ci metterà alla prova, ma sono convinto che, con senso di responsabilità, collaborazione e un po' di comprensione, nonché tolleranza, vista l'emergenza, ne usciremo più forti e maturi e la scuola avrà vinto anche questa sfida.

La scuola è il bene più prezioso perché forgia i caratteri, le menti dell'individuo, quindi a noi, il compito di accompagnare i giovani in questo cammino di condivisione, apprendimento, integrazione e socializzazione.

Buona scuola a tutti Noi".