Reggio Calabria
 

Maxi-truffa a Reggio Calabria: sequestrati beni per 1,5 mln e tre indagati

guardiadifinanzaBeni per un valore complessivo di circa 1.500.000 di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza a tre persone appartenenti, secondo l'accusa, a una associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti di truffa aggravata mediante la raccolta e gestione di risparmi, la vendita di strumenti finanziari fasulli ed a struttura piramidale, in assenza delle prescritte autorizzazioni. Oltre un centinaio i risparmiatori, dislocati su tutto il territorio nazionale, truffati. Il decreto di sequestro preventivo, emesso su richiesta della Procura della Repubblica di Reggio Calabria dal G.i.p. presso il Tribunale, e' stato eseguito al comando provinciale della Guardia di Finanzia di Reggio Calabria e dal Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, Tra gli indagati anche un funzionario, ora in pensione, di un Istituto di credito che avrebbe fornito il proprio supporto ai membri dell'associazione nell'individuazione dei potenziali clienti. Le indagini hanno consentito, tra l'altro, di tracciare le ricchezze illecitamente accumulate dagli indagati, e pertanto sono stati sottoposti a sequestro disponibilita' finanziarie detenute su conti corrente ubicati in Italia e nell'isola di Tenerife (Spagna), terreni siti a Reggio Calabria e 127 oggetti preziosi tra cui diamanti, collane, bracciali, anelli in oro, orologi di alto valore altre pietre preziose e 241 monete di argento. Il sequestro deriva dalla convergenza di piu' attivita' investigative, coordinate dalla procura reggina, che hanno consentito di rilevare come gli indagati, agendo sotto lo schermo di societa' finanziarie appositamente costituite in Italia e all'estero, si facessero consegnare somme di denaro dai malcapitati clienti prospettando loro il reinvestimento in fondi di risparmio e promettendo tassi di interesse particolarmente allettanti, talvolta anche fino al 40%.

I membri dell'associazione incameravano, quindi, le somme e successivamente, al fine di rendere piu' credibile lo schema truffaldino, provvedevano al rimborso, solo parziale delle stesse, in piccole "tranche" e mediante ricariche su carte prepagate. A fronte delle somme ricevute a titolo di investimento, gli indagati facevano in modo che i soggetti truffati stipulassero polizze assicurative fittizie a garanzia degli investimenti, riuscendo cosi' ad incamerare indebitamente ulteriori somme di denaro. I falsi piani assicurativi, gestiti da uno dei sodali mediante una societa' nel Padovano, oltre a dare una parvenza di garanzia all'investimento, incoraggiavano i potenziali clienti a stipulare i predetti strumenti finanziari. Le indagini esperite hanno consentito di rilevare che gran parte degli investimenti avveniva mediante la stipula di contratti di associazione in partecipazione all'interno di strutture piramidali ("Multi level marketing"), tra le quali networks gestiti dal principale indagato. In particolare si tratta di tipologie di reti il cui "core business" e' il sistema di pacchetti di affiliazioni e di vendite, che prospetta agli investitori un rendimento proporzionale alla capacita' di reclutamento di nuovi sottoscrittori dei piani di investimento. I clienti venivano, pertanto, posti di fronte a una allettante possibilita' di conseguire guadagni mediante il loro inserimento a titolo oneroso in una c.d. "Catena di Sant'Antonio", facendo credere loro che, per ottenere maggiori compensi, avrebbero dovuto far inserire e dunque "reclutare" nuovi soggetti. In realta', gli indagati hanno rimborsato i malcapitati clienti solo parzialmente, trattenendo gran parte delle somme investite.