Reggio Calabria
 

Reggio, ‘Un mondo di mondi’: “Mettere in sicurezza attraversamento ‘Bretelle’, pedoni in pericolo”

"Le bretelle del Calopinace costituiscono nel cuore della città un pericolo mortale per i pedoni e non solo. Questa situazione persiste da molti anni, il Comune non prende nessun provvedimento serio per la sicurezza dei pedoni segno evidente di una politica urbana che ha messo al primo posto la mobilità dei veicoli e non la sicurezza delle persone che si muovono a piedi. Il terribile incidente di qualche giorno fa cui ha perso la vita una donna , e i precedenti degli anni scorsi, ne sono la palese dimostrazione Una via a scorrimento veloce in due direzioni priva di attraversamenti pedonali sicuri e di ogni meccanismo per ridurre l'elevata velocità dei veicoli non può che mietere vittime, soprattutto tra i pedoni. Ricordiamo che dopo il penultimo incidente nel quale ha perso la vita una signora che attraversava le bretelle per depositare il sacchetto dei rifiuti nei bidoni comunali, l'unica azione attuata dall'Amministrazione comunale è stata quella di togliere i bidoni. Come se questa azione riducesse in qualche modo il pericolo esistente.

"Dopo l'ultimo terribile incidente mortale nel quale è morta un'altra donna, l'Assessore Zimbalatti ha annunciato dei provvedimenti. Ma dopo diversi giorni niente è stato fatto. I pedoni continuano ad attraversare le bretelle rischiando ogni giorno la vita. L'attraversamento più utilizzato è quello del ponte carrabile situato dove sorgeva la vecchia passarella pedonale, realizzata sul torrente ancora non cementificato, quindi presso via Nicolò da Reggio. In questo attraversamento, dove si sono verificati gli ultimi due incidenti in cui due donne hanno perso la vita, sono presenti delle strisce pedonali poco visibili, che chiaramente sono del tutto insufficienti per rendere sicuro il passaggio pedonale". E' quanto si legge in una nota dell'associazione 'Un mondo di mondi' di Reggio Calabria.