Letture
 

Un enigma tra luci, ombre e una travolgente corsa contro il tempo: il capolavoro thriller dello scrittore reggino Diego Pitea "L'ultimo Rintocco"

libro-lultimorintoccodi Giuseppina Varacalli - Una corsa mozzafiato verso la risoluzione di delitti mai visti prima, la spirale psicologica e temporale in cui ogni fatto sembra essere risucchiato e connesso l'uno all'altro, 3 personaggi (Richard, Doriana e Marani) che con le loro identità professionali cercano di trovare la strada verso la verità ed infine uno, due o forse di più, i possibili escissori efferati di questi omicidi. Se si volesse descrivere in breve questo thriller psicologico, sono queste le frasi che racchiudono e raccolgono l'intrigo, la suspense e il mistero di un gioco di luci e ombre in cui si inserisce "L'ultimo Rintocco" di Diego Pitea, scrittore reggino.

Il romanzo, tipico della scena gialla/poliziesca/thriller, così tipico non è e, lascia a chi lo legge, un grande senso di surrealtà e sbigottimento per il filo conduttore che viene ritrovato alla fine. Le trame di questa storia, così abilmente intrecciate dalla forza della psiche, del tempo e dalla potenza del male latente che giace nei sostrati più invisibili dell'animo umano, non davano nessun segnale prevedibile di verità anteriore. Lo scrittore ha saputo tratteggiare con grande cura i profili psicologici ed esistenziali di ogni personaggio, esaltandone doti, difetti e qualità oltre alla descrizione precisa ma allo stesso tempo non troppo invasiva degli ambienti che sembravano prendessero vita dal libro. Ogni parte della storia è essenziale per capirne tutte le altre come anche il fattore temporale ha un ruolo centrale nella scala degli eventi: nulla è lasciato al caso, soprattutto in questo libro.

I temi conduttori spaziano, oltre alla trama avvincente, dalla storia all'arte, da nozioni letterarie a quelle prettamente culturali per finire ad analizzare da vicino tematiche importanti e sensibili come il disturbo della Sindrome di Asperger di cui ne è affetto il protagonista e psicologo Richard Dale. Attraverso la costruzione del suo personaggio, si comprendono i problemi che ne possono derivare e che sono legati esclusivamente all'interazione sociale e alla messa in atto di comportamenti di tipo ripetitivo e stereotipato; la sua genialità però sarà l'unica chiave che potrà aprire e risolvere il mistero che si cela dietro a questi crimini efferati.

L'autore, punta di grande orgoglio letterario per il territorio calabrese, non è la prima volta che si interessa al genere del giallo all'interno dei suoi libri. Diego Pitea infatti debutta nel panorama letterario grazie al suo primo romanzo Rebus per un delitto che è risultato finalista al premio "Tedeschi" della Mondadori. Il successo della sua abile scrittura si riconferma anche alla pubblicazione, due anni dopo, del suo secondo romanzo Qualcuno mi uccida ed infine L'ultimo Rintocco, capolavoro che sta già avendo molto successo tra i lettori, che si pone lo scopo di lasciare tutti ancora una volta col fiato sospeso fino alla fine della lettura (l'autore ha sottolineato inoltre che buona parte del suo compenso per questo suo ultimo libro verrà devoluto all'associazione "Lega del Filo d'Oro" per la cura dei bambini sordociechi).

La matrice psicologica che ha alimentato i casi di omicidio spinge il lettore ad analizzare da vicino eventualità come queste in cui i traumi avuti nel passato hanno un ruolo importante nel presente con un risvolto che non è sempre positivo purtroppo. L'ultimo rintocco non si pone solo lo scopo di risolvere enigmi delittuosi ma vuole allo stesso tempo scavare a fondo nelle coscienze dei suoi protagonisti, tirare fuori la loro parte più inconscia e fragile per mostrare come l'esteriorità è solo un vestito che si indossa davanti alla società mentre ciò che ci abita dal di dentro è il vero protagonista. Tensione, paura, ansie si mischiano a determinazione, coraggio e curiosità nello scoprire il posto che ogni tessera di questo puzzle di omicidi deve occupare per risolvere il caso; il disegno che ne verrà fuori alla fine lascerà tutti senza parole.