Fronte del Palco
 

Filadelfia (VV), Caruso dirige Serrao: sinfonie ed ouverture in prima assoluta

Il 4 agosto a Filadelfia, città natia del compositore calabrese, verranno eseguite - in prima assoluta - composizioni sinfoniche inedite del M° Serrao. Il lavoro di trascrizione e adattamento dai manoscritti autografi, conservati presso il Conservatorio di Napoli, è stato realizzato dal Direttore Artistico della manifestazione, il M° Francesco Caruso. Sarà lo stesso maestro a dare voce alle opere inedite con la conduzione dell'Orchestra Filarmonica sul palco di Piazza G.A. Serrao.

"Dare vita alle opere del Serrao o, in alcuni casi, farle risuonare dopo oltre 150 anni dalla loro ultima esecuzione, è stato fin da subito l'obiettivo che mi sono posto dalla nomina a Direttore artistico del progetto". Così il Maestro Caruso che, continuando, dichiara: "Farlo poi nella sua città natia è un dovere etico al quale mi sento fortemente legato, una responsabilità morale verso un grande musicista della nostra comunità al quale occorre riconsegnare il giusto valore musicale. Il Serrao è stato un gigante della composizione e padre di prestigiosi artisti come Cilea, Giordano, Martucci e Leoncavallo".

"Non v'è dubbio alcuno - conclude il Maestro Caruso -che l'esecuzione delle sue opere rappresenterà uno spartiacque risolutivo in merito all'attestazione del suo valore artistico, al contrario di quanto la storia e la critica musicale, forse in maniera un po' sbrigativa e poco attenta, gli hanno fino ad oggi conferito".

Ad essere eseguite saranno la "Sinfonia a Grand'orchestra" in La maggiore del 1855 e l'Ouverture dell'opera "La Duchessa di Guisa", entrambe rimaste, fino ad oggi, nelle partiture manoscritte. La serata vedrà inoltre l'esecuzione di pagine sinfoniche ed operistiche di compositori suoi amici ed estimatori, quali Giuseppe Verdi e Gioacchino Rossini, nonché di alcuni dei suoi allievi più illustri come Ruggiero Leoncavallo e Giuseppe Martucci. Ad affiancare il M° Caruso nella direzione di questi grandi capolavori musicali ci sarà il M° Alfredo Cornacchia.

Protagonista della serata, dunque, l'orchestra Filarmonica della Calabria, formazione nata in seno all'Istituto Superiore di Studi Musicali "P.I.Tchaikovsky" di Nocera Terinese con cui l'Associazione ha stretto una convenzione per le attività musicali.

"Siamo orgogliosi di poter dare la possibilità ai nostri allievi di esibirsi nella nostra orchestra così come in tante altre formazioni orchestrali di teatri ed enti internazionali". Questo il commento del Direttore del Conservatorio, il Prof. Pierfrancesco Pullia che, continuando, dichiara: "Molti di loro partecipano stabilmente alle produzioni delle orchestre più prestigiose e agli eventi più importanti in Italia e non solo. Proprio qualche giorno fa, nostri allievi neodiplomati erano tra gli orchestrali che hanno preso parte al concerto in occasione del G20 della Cultura, dal Palazzo del Quirinale, con l'Orchestra Giovanile "Cherubini" diretta da Riccardo Muti. Questo dimostra un'offerta didattica d'eccellenza del nostro conservatorio, che punta a formare talenti e professionisti in grado di concorrere con chiunque a livello europeo".

"Da Leonardo Vinci a Paolo Serrao, dal Florimo a Francesco Cilea, a Longo e Scaramuzza, la terra di Calabria ha dato i natali ad eccellenze del panorama musicale italiano. La figura del Serrao, ugualmente, s'incardina tra le pieghe della gloriosa "Scuola Napoletana" e il post-romanticismo, operando in un'epoca storica – la seconda metà del XIX secolo – che ha visto il trionfo dell'Opera italiana. Il riportare in auge opere e lavori musicali di artisti calabresi, ancor più se inediti, assume, oltre che un grande valore musicologico, un immenso valore sociale: io stesso mi sono impegnato e mi impegno tutt'ora a perseguire tale proposito, nella consapevolezza di voler contribuire a rendere onore e merito a tali Maestri". Queste le parole del M° Filippo Arlia, responsabile e direttore stabile dell'Orchestra del Conservatorio.

Le iniziative del progetto MEMORIA DI PAOLO SERRAO continueranno poi giorno 11 agosto, con l'esibizione del Complesso Bandistico "A.M.PA.S", che porta il nome del maestro Paolo Serrao, guidato dal M° Francesco Gugliotta, che eseguirà, oltre al repertorio di tradizione, trascrizioni per fiati delle opere del Maestro Serrao. Si chiuderà infine il 30 agosto con un Convegno, a cura dell'IBIMUS Calabrese - Istituto di Bibliografia Musicale – che vedrà, per l'occasione, la presentazione del libro "Paolo Serrao e la musica a Napoli nella seconda metà dell'Ottocento", un volume che raccoglie gli atti del Convegno tenuto presso l'Università della Calabria nel dicembre del 2008. Responsabili dell'iniziativa progettuale il Prof. Francesco Paolo Russo e il Prof. Annunziato Pugliese.