Fronte del Palco
 

Armonie d’Arte Festival: progetti speciali e sezione Artscreening per la fase conclusiva 2021

Armonie d'Arte Festival, ideato e diretto da Chiara Giordano, dopo la programmazione estiva della sua XXI edizione, con artisti internazionali, prime assolute, esclusive, produzioni e coproduzioni con importantissimi partner della scena contemporanea globale, e i suoi luoghi fantastici quali il Parco archeologico di Scolacium a Borgia e da quest'anno anche il Parco internazionale della Scultura e della Biodiversità mediterranea a Catanzaro, propone una sezione conclusiva densa di attività, con progetti speciali, sia per la valorizzazione in loco del territorio che per l'internazionalizzazione dello stesso attraverso il brand Armonie d'Arte all'estero.

Questa fase conclusiva della ventunesima edizione del Festival inizierà sabato 25 settembre dalle 17.00 alla 22.00 con "Borgia Borgo espanso/Portoni aperti di danza, musica e parole", che vede protagonista il centro storico di Borgia, appunto, e alcuni suoi Palazzi di valore, con performance artistiche e incontri-dibattito sul tema della "terra - territorio" nonché sul valore strategico del territorio dell'istmo ieri e oggi, per coniugare la creatività delle nuove generazioni e una particolare attenzione alla dimensione del "borgo", come luogo iconico mediterraneo. I dettagli di tutti gli appuntamenti Borgia Borgo Espanso sono sul sito del Festival. Si segnala, in particolare, il Trittico di danza contemporanea "Terre"- con le 3 performance Tarante di Terra, Tarante di Mare, Terra di Madre - coproduzioni con la Compagnia CreateDanza le coreografie di Filippo Stabile, giovane calabrese già con esperienza e profilo internazionale; le performance musicali saranno a cura del musicista Danilo Gatto tra i massimi esperti calabresi di repertorio etnico e popolare, uno dei massimi esperti calabresi di repertorio etnico, nonché di Vincenzo Palermo, considerato tra i più interessanti compositori italiani contemporanei con all'attivo prestigiose edizioni ed eseguito in contesti di rilievo internazionale; un salotto culturale completerà il pomeriggio sera, tra gli ospiti il Presidente della Fondazione Imes Armando Vitale, lo storico Salvatore Bullotta, lo scrittore borgese Salvatore Guerrieri.

Il 15, 16, 17, 18 e 19 ottobre, invece, per chiudere questa lunga programmazione 2021, cinque giorni interamente dedicati alla valorizzazione della creatività contemporanea nel territorio e in particolare a Catanzaro a cui, peraltro, è prestigiosamente arrivata dopo una storica attività espositiva sviluppata per anni a Borgia nel Parco Scolacium, ovvero la mostra Intersezioni che ha visto installate nel sito archeologico e poi parzialmente spostate al parco catanzarese grandi opere di 13 dei maggiori artisti del nostro tempo: Tony Cragg, Mimmo Paladino, Jan Fabre, Antony Gormley, Marc Quinn, Wim Delvoye, Stephan Balkenhol, Dennis Oppenheim, Michelangelo Pistoletto, Mauro Staccioli, Daniel Buren, H.H. Lim, Gianfranco Meggiato. Il Festival, venerdi 15 ottobre ore 16.00 al Musmi di Catanzaro, propone quindi un Meeting dal titolo "Un Festival, Due Parchi e il Museo Internazionale della Scultura: storie di valore e valorizzazione". La particolarità è proprio che, come una sorta di ponte narrativo, il Festival agisce in 2 luoghi, entrambi parchi aperti al pubblico, e che tra loro, oltre all'appartenenza all'identità mediterranea, hanno in comune la storia di questa prestigiosa collezione artistica che ha consentito alla Calabria di accedere alla conoscenza diretta e alla fruizione permanente di un patrimonio culturale contemporaneo di straordinario valore, anche come valore aggiunto all'offerta turistica. Durante il meeting, a cui parteciperanno ruoli istituzionali di rilievo e figure tecniche di autorevole profilo, sarà anche presentata una guida del Parco e uno videospot ad hoc, offerti gratuitamente e in modo permanente ai cittadini di Catanzaro, ai loro ospiti, ai turisti, a quanti ne vorranno usufruire per arricchire la propria consapevolezza di un luogo unico nello scenario europeo, per la contestuale presenza di Cultura e Natura di così alto profilo, atteso che la biodiversità mediterranea oggi più che mai è uno preziosissimo valore.

Il secondo giorno, sabato 16 ottobre alle ore 17.00, "Caffetè" al Parco della Biodiversità, area ristoro di In Primis, dove il Festival offrirà un caffè o un tè al pubblico e agli ospiti della stampa per presentare 6 progetti speciali, di grande impatto territoriale e di internazionalizzazione, oltre che dedicati alla formazione e alle ricadute occupazionali, che il Festival sta attivando e tutti con una pianificazione pluriennale data la corposità degli obiettivi. Domenica 17 ottobre alle 11.00 una particolare visita alla collezione contemporanea del Parco internazionale della Scultura e biodiversità mediterranea dedicata ai ragazzi sotto forma di caccia al tesoro e infine, lunedì 18 e martedì 19 ottobre dalle ore 17.30, alla Biblioteca comunale di Villa Margherita a Catanzaro, ci saranno le proiezioni e dibattito della Sezione Artscreening, curata da Maria Luigia Gioffrè, con opere video di artisti significativi del contesto nazionale ed oltre, con cui il Festival che aggiunge alla programmazione spettacolistica ulteriori suggestioni artistiche nel solco dell'interazione di linguaggi contemporanei e visivi appunto, e rappresenta l'inizio di un percorso specifico che il Festival intende potenziare.

Tutti gli ingressi saranno gratuiti fino alla capienza consentita dalle normative vigenti anti Covid, e nelle modalità da queste previste. Ogni dettaglio e informazione su www.armoniedarte.com