Firme
 

Muli e buoi dei paesi tuoi

di Rocco Cosentino* - L'errore di fondo nel giudizio sul corto di Muccino sta nel fatto di ritenere che, per migliorare l'immagine della Calabria nel mondo, basti commissionare un filmato a un regista famoso e a un attore belloccio di origini calabresi, spendendo fior di milioni tanto per...

No, cari miei conterranei criticoni. State nel torto pure voi!

Siete sicuri che, se fosse stato prodotto un filmato ritraente una Calabria avveniristica con Mercedes e BMW al posto di muli e giovani baldanzosi con sopracciglia ad ali di gabbiano e risvoltini all'ultima moda, anziché bretelle e coppola, avremmo dato un'immagine migliore della nostra terra? Forse avreste preferito un movie d'autore con piani sequenza su strade perfette, pulite e ordinate in cui tutti fanno il proprio dovere rifocillandosi con 'nduja e liquirizia, con lo sfondo di un panorama mozzafiato? No, no e poi no! Sarebbe stata una truffa ai danni di chi, invogliato a venire da noi, si sarebbe trovato in mezzo a mulattiere ingolfate da quintali di spazzatura.

Ricordate: la migliore pubblicità per un popolo è l'immagine che si dà di sé nel quotidiano e non in un filmato in cui professionisti milionari ricevono milioni per parlare bene di noi! Quindi date voi il buon esempio e smettetela di scrivere corbellerie tanto per dire la vostra urbi et orbi! Per non parlare poi degli intellettuali da strapazzo, i primi ad elemosinare un incarico al politico di turno, fornendo in cambio endorsement e appoggi elettorali!

Ringraziate pertanto Muccino, Bova e Rocío, che comunque hanno mandato in scena un'immagine di Calabria cento volte migliore di quella che ci siamo meritati sul campo! Una Calabria tutta terra e natura, pulita nello spirito prima che nel corpo, accogliente e spensierata. Un posto in cui l'unica colpa di cui ti puoi macchiare è sbagliare un congiuntivo, e non certo imporre pizzi e mazzette!

Meglio un'immagine bucolica di noi immersa nel passato, e non un fantasy partorito da novelli Scorsese.
Muccino&co.: promossi!

Calabresi con la erre moscia, visionari che pensano di vivere a Dubai (e anche un po' cazzari): bocciati senza appello!

*magistrato e scrittore