Crotone
 

Porto di Crotone: riunione su variante Piano Regolatore

Per discutere delle proposte di variante al Piano regolatore del porto di Crotone si è tenuta, questa mattina, una riunione presso la sede della Capitaneria di porto di Crotone, indetta dal commissario straordinario dell'Autorità portuale di Gioia Tauro, Andrea Agostinelli, e ospitata del comandante della Capitaneria di Porto di Crotone, Vittorio Aloi.

Presenti all'incontro, anche, il segretario generale Pietro Preziosi, la responsabile del settore legale Simona Scarcella, il dirigente delle Aree Periferiche, Giovanni Piccolo, e la dirigente dell'Area Tecnica Carmela De Maria.

Hanno preso parte all'incontro l'on. Elisabetta Maria Barbuto e l'on. Sergio Torromino, il sindaco di Crotone Vincenzo Voce, insieme all'assessore comunale all'Urbanistica, Ilario Sorgiovanni, e al commissario della Camera di Commercio crotonese Alfio Pugliese.

In un'atmosfera di piena collaborazione, il commissario straordinario Andrea Agostinelli ha illustrato le proposte di modifica al Piano regolatore portuale di Crotone, al fine di definire un complessivo progetto di sviluppo integrato dei diversi settori economici portuali.

Nello specifico, sono state illustrate le strategie per la predisposizione tecnico-funzionale dell'adeguamento del piano regolatore portuale. Agostinelli ha, quindi, illustrato le principali linee guida da seguire per la disposizione del documento di pianificazione portuale, al fine di migliorare la funzionalità dell'intera infrastruttura, con specifica attenzione al settore cantieristico, peschereccio, alla crocieristica e al diporto.

Nel corso della riunione, si è successivamente tenuto un ampio dibattito tra i presenti che hanno voluto manifestare ad Agostinelli e ai membri dell'Autorità portuale le esigenze degli operatori portuali crotonesi.

La riunione si è conclusa con la decisione di dare incarico ai progettisti della realizzazione di una tavola definitiva di variante al piano regolatore portuale di Crotone, cha dovrà essere consegnata entro due mesi e che sarà discussa con l'intera comunità portuale di Crotone.