Crotone
 

Cavallo (Lega): "È incomprensibile la decisione di un presunto commissariamento della Lega di Crotone"

"È incomprensibile la decisione del Commissario Regionale della Lega calabrese Giacomo Saccomanno, a noi peraltro non comunicata formalmente, di un presunto commissariamento della Lega della Provincia di Crotone"; è quanto afferma il Capogruppo della Lega presso il Comune di Crotone, Marisa Luana Cavallo.

"Abbiamo appreso da un semplice comunicato che la Lega di Crotone non avrebbe dirigenti locali.

Tale affermazione - afferma la Cavallo - ha avuto soltanto il merito di umiliare il lavoro svolto, negli ultimi tre anni, da quelle persone, che con la guida sapiente dell'Avv. Giancarlo Cerrelli, hanno conseguito ottimi risultati in un territorio tendenzialmente ostile a sposare un partito come la Lega.

La storia, tuttavia, non si può cancellare con un tratto di penna e il passato è determinante per guardare al futuro. Da Capogruppo della Lega presso il Consiglio Comunale di Crotone - continua la Cavallo - esprimiamo la massima solidarietà all'Avv. Giancarlo Cerrelli, fondatore della Lega a Crotone e indubbio punto di riferimento per la Lega calabrese.

Ci sorprende - sostiene la Capogruppo della Lega di Crotone - che la nuova dirigenza regionale della Lega, in modo così superficiale e improvvido abbia considerato priva di dirigenza la Lega crotonese.

Ci auguriamo che sia stato soltanto un infortunio comunicativo ciò che sta facendo preoccupare gli iscritti alla Lega di Crotone che ritengono, con la sottoscritta, impensabile che una persona responsabile come il Commissario Regionale Saccomanno possa voler commissariare una Lega, forse l'unica Lega calabrese in salute come quella crotonese.

È notorio - conclude la Cavallo - che l'Avv. Giancarlo Cerrelli sia scomodo ad alcuni ambienti che usano la politica per scopi meramente affaristici, pertanto riteniamo opportuno che l'Avv. Cerrelli, continui a guidare la Lega di Crotone anche per continuare a preservarla da colonizzazioni dannose al partito e per consentire la prosecuzione di una crescita sana della Lega, fondata su una politica orientata al bene comune".