Crotone
 

Consiglio Comunale di Crotone dice "no" a ddl contro omotransfobia. I Giovani Democratici: "Vergogna!"

crotonecomune 500"Con il dramma quotidiano della pandemia e con i danni ancora da stimare lasciati dall'ultima alluvione, il nuovo Consiglio comunale di Crotone non ha perso l'occasione per fare una pessima figura. Un Consiglio insediatosi da pochi mesi appena ma che, viste le premesse, di certo non promette bene. Il disegno di legge Zan contro l'omolesbobitransfobia la misoginia e l'abilismo, approvato dalla Camera dei deputati, rappresenta un passo avanti di gran valore e civiltà per la tutela dei diritti".

I Giovani democratici denunciano con forza "l'inutile e dannosa mozione approvata dal Consiglio comunale di Crotone" e ne chiedono l'immediato ritiro. "Visto che il significato di quella mozione non poteva essere che meramente simbolico, proponiamo che la maggioranza, magari spronata dal neo-eletto Sindaco, faccia approvare una mozione esattamente contraria".

"Una mozione contro un disegno di legge non avrebbe nemmeno dovuto essere presentata in un consiglio comunale: qualsiasi consigliere di buon senso avrebbe capito la sua inutilità.

Invece, la città di Crotone si trova iscritta di forza, dal suo stesso Consiglio comunale, ad una lotta che non si sognerebbe mai di affrontare: quella contro i diritti di alcune fasce di cittadine e cittadini.

In un momento drammatico per la vita cittadina, in cui sarebbe necessario mettere da parte divisioni, personalismi e battaglie politiche miopi, la maggioranza del Consiglio comunale fa l'esatto contrario.

Le aspettative non erano alte ma, questa volta, sono state ampiamente superate: in negativo. Una mozione che parli a nome di tutte le cittadine e i cittadini di Crotone, contro le discriminazioni di ogni specie, verso chiunque" conclude la nota dei Giovani Democratici.