Cosenza
 

Frana Amantea (Cs), interrogazione della parlamentare PD Bruno Bossio

"Sulla vicenda dell'imponente crollo di frana, che lo scorso 19 gennaio ha interessato il borgo antico di Amantea (Cs), interviene la parlamentare del Partito Democratico Enza Bruno Bossio attraverso una Interrogazione a risposta in Commissione rivolta al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro per le Infrastrutture e Trasporti e al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. La parlamentare chiede al Governo di mettere a disposizione i finanziamenti necessari per l'attuazione della messa in sicurezza del costone su cui poggia l'intero centro storico così da permettere il normale svolgimento delle attività quotidiane ed il ritorno alla vita". È quanto si legge in una nota firmata dal locale PD.

Di seguito l'interrogazione:
Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro per le Infrastrutture e Trasporti, al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.
Per sapere, premesso che: in data 19 gennaio 2021, nel comune di Amantea, provincia di Cosenza, si è verificato un importante e intenso movimento franoso; tale fenomeno ha generato lo smottamento e il distacco di diversi ed invasivi blocchi di materiale roccioso dal versante sovrastante la via principale del centro storico della città; in seguito all'evento, sono state emanate ordinanze di sgombero per 15 nuclei familiari, occupanti fabbricati che tuttora sono ancora esposti al rischio di ulteriori crolli e movimenti franosi; momentaneamente per i suddetti nuclei familiari è stata disposta, da parte del Comune, la sistemazione presso strutture ricettive; il movimento franoso ha generato danni e la interruzione di servizi primari, in particolar modo, danni gravi sono stati registrati dalla rete di distribuzione del gas metano; inevitabilmente, la dimensione dei crolli e del movimento della massa franosa hanno imposto il blocco della circolazione e delle attività commerciali, artigiane, turistico-produttive per l'intero comparto urbano del centro storico; il rischio di ampliamento e il ripetersi del movimento franoso è tutt'ora in atto. Infatti, tutto il versante che si sviluppa a monte della chiesa del Carmine sino all'argine del fiume Catocastro e all'area che sovrasta il parco pubblico "La Grotta" è considerato a rischio frana; è prioritario pervenire rapidamente ad una ricognizione dei danni e, conseguentemente, provvedere ad erogare i necessari ristori a famiglie ed imprese che sono state maggiormente colpite: quali iniziative, il Governo intende adottare, alla luce dei fatti esposti in premessa, al fine di poter dichiarare lo stato di emergenza in questi luoghi, accertare le reali cause, ed in base alla classificazione del rischio disporre i finanziamenti necessari per l'attuazione della messa in sicurezza del costone su cui poggia l'intero centro storico così da permettere il normale svolgimento delle attività quotidiane ed il ritorno alla vita.