Cosenza
 

Cerisano (Cs), “Rinnovamento e futuro”: “Gratis i tamponi per i bambini della scuola, necessaria trasparenza in merito alla manifestazione d’interesse dell’8 gennaio”

"E' ormai notizia di martedì la positività al Covid-19 di una signora addetta al servizio accoglienza dei bambini, a cui vanno i nostri auguri di pronta guarigione, con conseguente ordinanza del Sindaco di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e della decisione assunta di sottoporre a tampone facoltativo la scolaresca". È l'incipit di una nota di "Rinnovamento e futuro".

"Non entrando nel merito della libera scelta che i genitori riterranno opportuno prendere da qui a sabato prossimo, giorno stabilito per lo screening, come gruppo consiliare abbiamo però il dovere di chiedere al sindaco che il Comune si faccia carico del costo di ogni singolo tampone, stabilito a 20 €. Ciò al fine di non mortificare le persone meno abbienti, le quali, in molti casi, potrebbero non far partecipare i propri figli per non manifestare, seppur in forma riservata, il proprio stato di indigenza. D'altronde se si trovano i soldi per le pizze come accaduto lo scorso 26 dicembre, si possono trovare anche per questa iniziativa di notevole importanza" è un altro passaggio.

"Rimanendo in tema di tamponi, avevamo accolto positivamente la manifestazione d'interesse dell'8 gennaio scorso riservata a laboratori e/o aziende autorizzate ad eseguire i tamponi rapidi per la ricerca dell'antigene Sars-Cov-2. D'altronde noi stessi, come da Pec del 2 novembre 2020 inviata al sindaco tramite ufficio protocollo, auspicavamo ciò ma quello che ci lascia perplessi, oltre al ritardo accumulato, è quanto contenuto nella Determina N. 1 del 12/01/2021. Nella stessa, infatti, si legge che "sono pervenute al protocollo dell'Ente 2 manifestazioni di interesse" e che "considerato che la prima manifestazione d'interesse, acquisita al protocollo dell'Ente al n. 123 del 12/01/2021, è stata presentata dallo studio radiologico Federico S.R.L., [...] che si è detta disponibile ad effettuare il test antigenico per la rilevazione la presenza del virus SARS –Cov-2, con un costo per il singolo utente pari a € 30,00 onnicomprensivi". Di conseguenza abbiamo inviato all'ufficio protocollo del Comune di Cerisano una pec per richiedere la documentazione relativa alla manifestazione d'interesse, in quanto nella determina si lascia intendere, senza alcun dubbio, che la scelta è ricaduta sullo studio radiologico Federico S.R.L. non in quanto miglior offerente ma in quanto il primo ad aver partecipato e per il fatto di essere affidabile. Non si discute affatto l'affidabilità e la serietà della Federico S.R.L. ma è mai possibile che l'altra azienda partecipante possa essere così sprovveduta? Riteniamo, pertanto, corretto sollevare un dubbio sull'operato dell'amministrazione comunale, alla quale chiediamo una maggiore trasparenza come atto dovuto verso i cerisanesi che dovranno sborsare, in piena emergenza non solo sanitaria ma anche economica, ben 30 € per un tampone, il cui costo non sembra affatto calmieriato" è la conclusione.