Cosenza
 

Corigliano Rossano: il 25 ottobre la quarta Camminata tra gli ulivi

4a Camminata tra gli ulivi, è confermato per domenica 25 ottobre l'evento promosso dall'Associazione Nazionale Città dell'Olio al quale Corigliano-Rossano ha aderito anche quest'anno. Si va alla scoperta di ulivi secolari, grotte eremitiche e frantoio ipogeo.

È quanto fa sapere l'assessore alla Città Europea Tiziano Caudullo esprimendo soddisfazione per la rete di collaborazioni costruite intorno all'ormai consueto appuntamento ideato e pensato per promuovere la cultura dell'ulivo e valorizzare il patrimonio paesaggistico e culturale.

Nonostante le limitazioni imposte dall'ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri – aggiunge Caudullo – abbiamo deciso di non rinunciare all'evento, astenendoci dal momento degustazione che si sarebbe dovuto tenere nello spazio antistante la chiesa di San Martino e concentrandoci sulla sola passeggiata lungo il percorso che si muoverà dal Ponte di Celadi. Il distanziamento visti gli spazi potrà essere garantito.

La partenza è prevista per le ore 9,30.

L'iniziativa si avvale della collaborazione con il Club Trekking Corigliano – Rossano, l'Associazione Insieme per Camminare, la Proloco Rossano La Bizantina, Proloco Corigliano Calabro, Coldiretti, le associazioni Sosteniamo Corigliano – Rossano, Rossano Recupera e Retake Rossano, il Panificio Levante.

Per partecipare è necessario iscriversi e prenotarsi al link https://www.eventbrite.it/e/biglietti-camminata-tra-gli-olivi-125594407253.

L'itinerario si snoderà tra uliveti secolari e antiche mulattiere per raggiungere il centro storico, passando per Porta Rupa e Porta Pente, due tra le antiche porte d'accesso alla Città Alta. La camminata sarà inoltre occasione per visitare un frantoio ipogeo, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, edificata sui resti di una chiesa bizantina dedicata al Profeta Daniele e riadoperata a Convento dai Cappuccini nel XVI secolo; la Chiesa di S. Maria del Pilerio, ricostruita nel XV secolo sui resti della chiesa bizantina di S.Angelo di Tropea (sec. X, XI) e diverse grotte eremitiche, testimonianza della vita monacale della religiosità orientale.