Cosenza
 

Cosenza, al ‘Rendano’ torna in scena la “Follia di Shakespeare” di Max Mazzotta

Sabato 4 aprile (ore 20.30) e domenica 5 aprile, alle ore 18.30, sarà la volta della prima produzione inedita firmata L'AltroTeatro!
Dall'incontro tra gli operatori del mondo dello spettacolo Gianluigi Fabiano, Giuseppe Citrigno, Giada e Selene Falcone, con il regista Max Mazzotta e Libero Teatro nasce un vero e proprio evento. A distanza di 20 anni dal primo esito di un'intensa analisi sul teatro tragico del Bardo firmata Max Mazzota torna "Follia di Shakespeare-Macbeth vs Romeo e Giulietta".
Lunedì 2 marzo, alle ore 11.30, nel ridotto del Teatro Rendano la conferenza stampa dello spettacolo. Sarà presentato l'intero cast con il regista Max Mazzotta e i produttori Giuseppe Citrigno e Gianluigi Fabiano.
In questa versione che festeggia i 20 anni dalla prima messa in scena, protagonisti saranno due volti del cinema e del teatro nazionale: Stella Egitto (Lady Macbeth/Giulietta) e Lorenzo Richelmy (Macbeth/Mercuzio).
Con loro, i bravi interpreti della compagnia Libero Teatro: Francesco Gallelli (Romeo/portiere); Alessandro Castriota Scanderberg; Paolo Mauro; Francesca Gariano; Ilaria Nocito; Graziella Spadafora; Francesco Pupa ed Emanuel Bianco.

Finanziato dalla Regione Calabria, quale evento storicizzato- sull'avviso pubblico per la selezione e finanziamento di interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali, la qualificazione e il rafforzamento dell'offerta culturale- vede, inoltre, il supporto dell'amministrazione comunale di Cosenza. Organizzato dalla società "L'AltroTeatro" guidata dal gruppo di operatori del mondo dello spettacolo locale: Enzo Noce, Giuseppe Citrigno e Gianluigi Fabiano. Sul palco del Teatro A. Rendano 15 appuntamenti all'insegna della grande drammaturgia senza dimenticare, però, il divertimento e il puro spettacolo. Prosa, dai grandi classici agli autori contemporanei e poi, commedie e musical, questi gli ingredienti del cartellone ideato da "L'AltroTeatro".
Follia di Shakespeare- Macbeth vs Romeo e Giulietta è un'indagine poetica ed originale sulle tematiche della tragedia shakespeariana diretta da Max Mazzotta. Un viaggio che punta l'attenzione sul sottile legame tra amore e follia, nucleo centrale del Macbeth e di Romeo e Giulietta. In realtà, lo spettacolo che suggellò la nascita della compagnia nel 2000 fu poi ripreso, qualche anno dopo (nel 2008), per festeggiare proprio i dieci anni di Libero Teatro. I due drammi possono essere letti come un'unica riflessione sullo stesso tema, la follia e la perversione che l'amore può generare. L'apparente contrapposizione di tragico e comico rende l'indagine sui personaggi più lucida ed approfondita, offrendo ad un pubblico giovane un approccio accessibile all'universalità del teatro di Shakespeare. La rappresentazione contemporanea delle due tragedie diventa possibile grazie alla molteplicità dei diversi linguaggi. Una miniera di possibilità è offerta dal doppio ruolo che ciascun attore è chiamato ad interpretare nell'intreccio dei due racconti; se vedere Macbeth nei panni di Mercuzio riesce quasi a farci perdonare le sue atrocità, vedere Lady Macbeth nei panni di Giulietta, ci fa riflettere su come può diventare crudele il senso poetico di un amore.
Stella Egitto attrice siciliana dopo essersi diplomata all'Accademia nazionale d'arte drammatica partecipa a diverse commedie di successo, collaborando fin dagli inizi della carriera con attori e registi già affermati che ne esaltano la verve recitativa. Il debutto sul piccolo schermo avviene intorno alla seconda metà degli anni 2000 in diverse fiction (tra queste il Commissario Montalbano), spesso caratterizzando il personaggio della ragazzina che si adatta a vivere nel precariato lavorativo per esigenze economiche; nel frattempo anche il cinema inizia ad accorgersi delle sue doti di attrice, il cui debutto avviene nel 2009 con la pellicola Sulla strada di casa, in cui recita al fianco della conterranea Donatella Finocchiaro. A partire dal 2012 Stella Egitto ottiene maggior rilevanza nell'ambiente cinematografico grazie al ruolo della cameriera Alice in Ti stimo fratello, in cui si sente messa alla berlina, quando questa scopre di essere stata presa in giro da due fratelli; un altro ruolo importante lo ottiene nel 2016 con il film In guerra per amore, in cui è Teresa, una giovane sposa con un bimbo a carico che aspetta invano il marito partito al fronte durante la seconda guerra mondiale e che infine si scopre essere con tutta probabilità disperso o deceduto. Nel 2018 è protagonista, nel film Tu mi nascondi qualcosa di Giuseppe Loconsole.
Lorenzo Richelmy Figlio d'arte (i genitori sono attori di teatro), nasce a La Spezia. La prima esperienza come attore risale all'età di otto anni quando interpreta un ruolo nello spettacolo teatrale Il Sempione strizza l'occhio al Frejus di Elio Vittorini, per la regia di Italo Spinelli. In seguito è protagonista per due stagioni (1999-2000) nello spettacolo Zio Mario per la regia di Mario Prosperi al Teatro Politecnico di Roma. Nel 2002 è il figlio di Rocco Papaleo ed Elena Sofia Ricci ne Il pranzo della domenica di Carlo Vanzina. Nel 2007 viene scelto per interpretare il ruolo di "Cesare Schifani" nella serie tv I liceali per la regia di Lucio Pellegrini. Nel 2008 riceve il premio come "personalità europea emergente", assegnatogli dal Ministero del Turismo. Nel 2010, con il cortometraggio Tiro a vuoto di Roberto Zazzara, vince il premio come miglior attore al FigariFilmFest. Nel 2011 è protagonista di puntata nella serie Sposami di Umberto Marino. Nel 2011 è il protagonista di Fat Cat di Michele Fiascaris, film che gli è valso diversi riconoscimenti come migliore attore nei festival americani ed europei. Sempre nel 2011 viene scelto come protagonista nel film 100 metri dal paradiso di Raffaele Verzillo. Nel 2012 è il protagonista di La terra e il vento, opera prima del giovane regista Sebastian Maulucci, e partecipa alla web series Kubrick, una storia porno dei The Jackal. Nel 2013 prende parte al progetto LARPers-to Protect and Play, per la regia di Umberto Francia, nel ruolo di Marco, e interpreta il ruolo del protagonista nel film Il Terzo Tempo di Enrico Maria Artale. Nel 2014 interpreta il ruolo del figlio di Carlo Verdone nel film Sotto una buona stella ed è protagonista della serie Netflix Marco Polo nel ruolo di Marco Polo.

Per informazioni si può telefonare a Inprimafila al n.0984795699. Nuova sede di INPRIMAFILA Via Marconi, 140 - COSENZA