Inchiesta "Coccodrillo" sui rapporti cosche-imprese: chiesto il giudizio immediato per tre imprenditori

Catanzaro Tribunale  nuova 1 dicembreLa Dda di Catanzaro ha chiuso le indagini per 14 persone e chiesto il rito immediato per i principali indagati nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla Guardia di finanza, denominata "Coccodrillo" sui rapporti di alcuni imprenditori con cosche del reggino e del crotonese.

In particolare, la Dda ha chiesto il giudizio immediato per gli imprenditori Antonio, Giuseppe e Daniele Lobello per una serie di presunte intestazioni fittizie di beni, realizzate attraverso un sistema di societa', formalmente intestate a terzi, e tuttavia, secondo l'accusa, controllate e gestite dagli stessi, al fine di sottrarle ad eventuali sequestri. I difensori degli imprenditori hanno chiesto il rito abbreviato.

Secondo l'accusa, Giuseppe Lobello "pur non facendone parte" avrebbe concorso con la cosca Arena alla quale - e' l'ipotesi accusatoria - avrebbe fornito "attraverso condotte attive, un contributo concreto, specifico e volontario per la conservazione e il rafforzamento della capacita' organizzativa dell'associazione, con la consapevolezza dei metodi e dei fini dell'associazione stessa. In particolare, muovendosi quale imprenditore edile titolare e amministratore di fatto delle imprese facenti capo alla famiglia Lobello - Strade Sud, Trivellazioni Speciali, Consorzio Stabile Zeus, Consorzio Stabile Genesi - faceva da intermediario tra i vertici della cosca e taluni imprenditori soggetti a estorsione per lavori nel Catanzarese, raccogliendo i ratei delle estorsioni e consegnandoli alle scadenze prestabilite ai vertici del clan, cio' allo scopo di evitare che la presenza di soggetti riconducibili al clan presso i cantieri potesse tirare l'attenzione delle forze dell'ordine; ottenendo al contempo per il legame stretto con gli Arena una posizione dominante nell'esecuzione di lavori edili su Catanzaro, ovvero la protezione da interferenze estorsive, di altri gruppi criminali, presso i cantieri relativi ai lavori eseguiti e presso l'impianto di calcestruzzo dell'impresa".

Agli indagati sono contestati, a vario titolo, reati di concorso esterno in associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio, autoriciclaggio, favoreggiamento reale ed estorsione. Le indagini avrebbero evidenziato, oltre al legame mantenuto dalla famiglia Lobello con il clan Mazzagatti di Oppido Mamertina, anche il rapporto con il clan Arena di Isola Capo Rizzuto e altre cosche del crotonese, tra cui quella riconducibile a Nicolino Grande Aracri. (ANSA)

Creato Lunedì, 21 Giugno 2021 19:21