Catanzaro
 

Domani manifestazione per lavoro e salute davanti alla Cittadella regionale

"Domani, sabato 8 Maggio alle ore 11, alla Cittadella della Regione Calabria studenti, disoccupati, lavoratori del pubblico e del privato, stagionali e precari, sindacati conflittuali e organizzazioni politiche antagoniste saranno insieme per ribadire che le classi popolari calabresi devono essere liberate dal padronato sfruttatore, dell'aziendalismo che ha smantellato i servizi pubblici e la sanita' e dal clientelismo che consegue a entrambi". Lo affermano, in una nota gli organizzatori.

"Le rivendicazioni da portare in piazza in Calabria - aggiungono - sono chiare e non possono prescindere dalla lotta delle classi popolari per l'abolizione completa dei contratti precari, per gli investimenti pubblici, per la piena occupazione e per una sanita' totalmente pubblica e controllata, nelle sue nomine, dai lavoratori e non da dirigenti in odore di conflitto di interesse. In Calabria, ancora piu' che in Italia, non c'e' piu' spazio per il riformismo e per pratiche che si limitano a tentare di cambiare lo status quo attraverso il richiamo alla sola battaglia elettorale. Non e' possibile 'riformare' un sistema nel quale gli esponenti del padronato sanitario sono presenti, direttamente o attraverso loro prestanome, nei gangli del funzionamento delle Asp e degli apparati pubblici (con concreto pericolo di boicottaggio di ogni tentativo di riforma "dall'alto"); e' illusorio riformare un sistema nel quale, per via dei rapporti di forza estremamente squilibrati a favore di chi possiede un capitale grande o piccolo, neppure le minime leggi ad oggi vigenti a tutela dei lavoratori sono rispettate: il settore della ristorazione e degli alloggi, base economica della regione in molte zone, risulta ai controlli dell'Ispettorato del Lavoro il piu' irregolare (per il 73,74% dei controlli). Inutile dire che senza un'organizzazione solida dei lavoratori che si opponga al ricatto nei luoghi di lavoro e che abbatta l'aziendalismo nella Pa costringendo i governi ad un piano di assunzioni vero, ogni proposta legislativa per il miglioramento delle condizioni dei precari rimarra' soltanto sulla carta. Il sistema va rovesciato e bisogna iniziare a farlo nei luoghi di produzione". Alla mobilitazione - aggiungono - aderiscono Fronte Comunista e Fronte della Gioventu' Comunista Calabria; Usb Calabria; Collettivo Stipaturi, Lungro; Collettivo MalaErba, Reggio Calabria; Ci siamo rotte i tabu', Catanzaro; Cub Cosenza e Crotone; Comitato Pro-ospedale del Reventino (Soveria Mannelli); Comitato per il diritto alla salute, Acri; Radio Ciroma 105.7, Cosenza; Calabria Sociale contro il regionalismo; Rifondazione Comunista Calabria; Calabria Resistente e Solidale; Potere al Popolo Calabria; Orsa, Porto di Gioia Tauro".

"Le formazioni sopra elencate - proseguono nella nota - chiamano dunque i lavoratori in piazza per una lotta unitaria, ribadendo che i temi del lavoro e della sanita' non possono essere separati, soprattutto nell'epoca del Covid. Senza tutele sul lavoro, e' impossibile pensare a un superamento immediato del rischio di nuove ondate; senza abolizione della precarieta' e' impossibile pensare ad un personale sanitario al massimo delle potenzialita'; senza superamento dell'oppressione di classe e senza protagonismo delle fasce sociali che, sole, hanno interesse agli investimenti nella sanita' pubblica e nei servizi pubblici in generale, e' impossibile pensare ad un loro potenziamento".