Catanzaro
 

Centenario Unione Italiana Ciechi a Catanzaro, le nuove sfide a sostegno delle diverse abilità

Offrire una testimonianza reale dei traguardi raggiunti nei primi cento anni di vita e porre nuovi obiettivi a sostegno delle diverse abilità. Con questi intenti l'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti ha scelto Catanzaro come tappa del proprio centenario con un calendario di attività che si è chiuso in una ricca quattro giorni al Complesso San Giovanni. Nel cuore del centro storico tutte le sezioni provinciali calabresi si sono ritrovate, con il coordinamento dalla presidente dell'UICI di Catanzaro Luciana Loprete, per celebrare insieme questo importante anniversario a cui ha voluto portare il proprio contributo anche il presidente nazionale Mario Barbuto, accompagnato dalla dirigente nazionale e presidente del centro Helen Keller, Linda Legname.
Il presidente Barbuto ha partecipato al workshop a più voci, incentrato sui temi della prevenzione e dell'informazione, a cui hanno preso parte Angela Turtoro, dirigente dell'UO di Oculistica all'ospedale Pugliese-Ciaccio, Sergio Magarelli, direttore della filiale di Catanzaro della Banca d'Italia, e referenti delle forze dell'ordine, come Polizia e Carabinieri, e delle associazioni Avis e Aia, che collaborano stabilmente con l'UICI. La discussione è stata animata dagli intermezzi musicali del coro "Voci di Luce" dell'Unione ciechi di Catanzaro e moderata da Domenico Gareri.

"Non posso che ringraziare Catanzaro - ha commentato Mario Barbuto - per averci accolti con grande cuore e calore. In questa occasione il territorio ha risposto in maniera positiva testimoniando i tanti esempi importanti di effettiva rete. Al nostro fianco operano diverse grandi organizzazioni pubbliche e private che ci supportano ogni giorno. L'obiettivo comune deve essere quello di lavorare insieme, in rete, per non disperdere risorse e per raggiungere risultati concreti". Il presidente Barbuto ha, quindi, tracciato gli obiettivi per l'immediato futuro: "Questo centenario deve rappresentare un punto di arrivo e, al contempo, un punto di partenza. Il nostro impegno su tutto il territorio per il medio e lungo termine sarà rivolto anche agli ipovedenti e alla realtà delle disabilità aggiuntive, al fine di garantire un maggiore supporto e opportunità anche dal punto di vista occupazionale".

I festeggiamenti del centenario si sono conclusi, quindi, con una lunga giornata tra laboratori braille, mostre di arte accessibile, momenti formativi, percorsi guidati, il polo tattile e l'esperienza del "bar al buio". E ancora la dimostrazione sull'addestramento dei cani guida, il reading al buio del libro dell'autore Natale Saccà ed attività di prevenzione offerte alla cittadinanza di cui certamente si sentirà parlare nei prossimi giorni.