Calcio
 

Reggina, mano pesante del giudice sportivo: tre inibizioni e forte multa

taibimassimoIl giudice sportivo della Lega Pro ha reso note le proprie decisioni, in merito alle gare del 9° turno della Serie C. Per la Reggina c'è una forte multa dovuta a cori ritenuti discriminatori, ma non solo. Scatta anche l'inibizione per ben tre dirigenti: il dg Andrea Gianni, il ds Massimo Taibi ed il team manager Matteo Patti.

Particolarmente severo il passaggio sul direttore sportivo, accusato di essere rientrato in campo per esultare dopo la partita: in realtà l'esultanza è consistita nell'accompagnamento di una persona disabile sul terreno di gioco. Di seguito i provvedimenti con relative motivazioni:

Multa di 7.500 euro perchè "propri sostenitori, numerose volte durante la gara, intonavano cori di discriminazione territoriale nei confronti della squadra avversaria, approvati con applausi; gli stessi venivano ripetuti anche dopo gli annunci dissuasori dello speaker; perché persona non identificata ma riconducibile alla società proferiva frasi offensive nei confronti degli avversari".

 

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA' IN SENO ALLA F.I.G.C. A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA' NELL'AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 3 DICEMBRE 2019 E AMMENDA € 1.000,00

TAIBI MASSIMO (REGGINA) a seguito dell'ammonizione entrava sul terreno di gioco proferendo frasi offensive nei confronti dell'arbitro; al rientro negli spogliatoi al termine del primo tempo di gara avvicinava nuovamente l'arbitro proferendo ulteriori frasi offensive. Al termine della gara, nonostante l'espulsione, rientrava sul terreno di gioco per esultare. Il suo comportamento ha dato luogo a un generale parapiglia sedato da steward, delegati di lega e collaboratori della procura federale".

 

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA' IN SENO ALLA F.I.G.C. A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA' NELL'AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 25 OTTOBRE 2019 E AMMENDA € 500,00

GIANNI ANDREA (REGGINA) perché al termine della gara rivolgeva con frasi offensive nei confronti di un delegato di Lega.

 

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA' IN SENO ALLA F.I.G.C. A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA' NELL'AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 3 DICEMBRE 2019

PATTI MATTEO (REGGINA) Perché, al rientro negli spogliatoi al termine del primo tempo, sferrava un calcio a un tesserato della squadra avversaria.

 

Un turno di squalifica anche per Francesco De Rose, espulso durante il match con il Catanzaro. Appiedato anche il giallorosso Andrea Bianchimano con la seguente motivazione: "perché al rientro negli spogliatoi al termine della gara rivolgeva frasi e gesti osceni nei confronti di tifosi della squadra avversaria".