Calcio
 

Muriel-show stende il Crotone

80b1a284a909b163fddae6fdfe1bf2afGasperini ritrova i tre punti in campionato contro la sua ex squadra, quel Crotone che lo ha lanciato come allenatore nel 2006. I nerazzurri hanno ampiamente meritato la vittoria che poteva essere anche piu' rotonda se Zapata, nel secondo tempo, avesse trovato la porta in tre occasioni in cui la palla e' finita di poco fuori. La nota dolente e' quella degli infortuni, in vista del Liverpool: Hateboer e Romero sono stati sostituiti per problemi muscolari, Toloi ha riportato una contusione. Per il Crotone si tratta della quinta sconfitta su sei gare. La squadra di Stroppa deve fare ammenda per alcune palle gol gestite malamente in attacco da Simy e Messias e per i soliti errori di disimpegno in difesa. Senza Cigarini, squalificato, Stroppa mette Benali come playmaker, mentre Gasperini tiene a riposo all'inizio Zapata ed Ilicic schierando Papu Gomez e Muriel. Mossa che si rivelera' vincente. L'Atalanta, infatti, chiude la partita nei primi 45 minuti. L'inizio della partita e scoppiettante con tre azioni da gol nell'arco di 120 secondi.

Al 5' Muriel si libera bene ma tira alto da posizione defilata. Risponde il Crotone: al 6' discesa prepotente dell'ex Reca con tiro che lambisce il palo. Al 7' Cordaz fa una gran parata su Muriel solo davanti la porta. Le squadre prendono le misure e la partita, pur bella sul piano del ritmo e del gioco, non fa registrare occasioni importanti. Lo 0-0 si sblocca al 26' con un'invenzione di Muriel che, con una improvvisa girata su passaggio di Malinovski, fredda Cordaz. Il Crotone non reagisce e l'Atalanta prende campo. Al 37' il raddoppio ancora dell'attaccante colombiano dell'Atalanta, che approfitta di una palla persa malamente dal Crotone e con un tiro a fil di palo fa 2-0. E' a questo punto che il Crotone finalmente reagisce ed al 40' accorcia le distanze grazie a Simy, che conquista palla in area e batte Sportiello.

Nel secondo tempo Gasperini, contrariato per la rete presa nel finale di primo tempo, striglia i suoi e l'Atalanta gioca da par suo chiudendo nella sua meta' campo il Crotone con un pressing alto ed asfissiante. Merito anche di Ilicic e Zapata, che entrano ad inizio del secondo tempo, e di Malinovsky ed Hetaboer, instancabili sulle fasce. Al 26' arriva un' occasione per Malinovski, ma e' ancora Cordaz ad opporsi con il corpo. Poi Zapata, tra il 30' ed il 39', per tre volte sfiora il palo: due volte con tiri alla sinistra di Cordaz ed una di testa. Il Crotone ci prova in ripartenza, ma Messias spreca l'unica occasione che gli capita per il pari. (